Venerdì, 24 Novembre 2017 CercaCerca  
10.04.08 Asiago, turismo sostenibile, passepartout per il futuro

Se ne discuterà l'11 e il 12 aprile. Ospiti d’onore il cileno Eugenio Yunis (World Tourism Organization-ONU) e Downes John J. (International Travel and Tourism Law Consultant). Parte il nuovo “Leader” con dote di 100 milioni di € sul PSR 2007-13.

Il turismo sostenibile passa per Asiago (Vi). Venerdì 11 e sabato 12 aprile si terrà una “due giorni”, a cura del Gal Montagna Vicentina nell’ambito del programma comunitario “Leader+”, con i massimi esperti a livello regionale e internazionale.

Strategie integrate per lo sviluppo turistico e competitivo del territorio. Dalle iniziative a carattere locale alle politiche europee” è il titolo del primo convegno in programma venerdì 11 aprile al cinema “Lux” (via Matteotti 21) dalle 9 alle 16.30; fra gli altri, interverranno: Eugenio Yunis (World Tourism Organization dell’ONU), Downes John J. (International Travel and Tourism Law Consultant), Antonio Scipioni Responsabile Centro Studi Qualità Ambiente (CESQA) Università degli Studi di Padova, Giampietro Vecchiato, docente di Relazioni Pubbliche all’Università di Padova, Agostino Bonomo, presidente Gal (Gruppo di azione locale) Montagna Vicentina, etc.

Si tratta di fatto dell’evento di chiusura delle attività del “GAL dei 7 comuni”, che con questo incontro vuole offrire un momento di approfondimento sullo sviluppo economico sostenibile e duraturo, in particolare per aree come quelle dell’Altopiano, dove la qualità ambientale costituisce un valore aggiunto ed un elemento discriminante nelle scelte di un turista sempre più attento ed esigente.
Il giorno successivo si parlerà invece di “Cooperazioni territoriali per la promozione e la gestione ambientale. Registrazione EMAS come valore” in programma dalle 9.30 alle 12 nella Sala Reggenza della Comunità Montana di Asiago. Fra i relatori, Giancarlo Bortoli, presidente della Comunità Montana “Spettabile Reggenza dei sette Comuni” e Giuseppe Ballauri, presidente del Gal Mongioie (Piemonte).

L’iniziativa comunitaria “Leader”, partita nel 1990 come progetto pilota, si è ora affermata quale strumento per promuovere lo sviluppo delle aree rurali della Comunità Europea attraverso interventi nei settori dell’agricoltura, dell’ambiente, del turismo rurale, dell’artigianato, dei servizi e della formazione. In questo quadro, Veneto Agricoltura è stata incaricata dalla Regione Veneto di gestire la comunicazione del Programma.

Dato il successo degli anni passati il nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 ha messo a disposizione del proprio IV Asse, quello Leader appunto, oltre 100 milioni di euro.

Ufficio Stampa