Lunedì, 20 Novembre 2017 CercaCerca  
11.04.08 Certificazione della Grappa, ora si può

Nel convegno di mercoledì 16 Aprile (ore 9,30) a Legnaro (PD), IGV e Veneto Agricoltura presenteranno l'innovativo progetto che si basa su nuove acquisizioni scientifiche.

Da bevanda per alpini a distillato per palati raffinati ed esigenti. È il mutamento della grappa che si è trasformata in "spirito" per intenditori, affermandosi nei mercati internazionali come prodotto di qualità e pregio. Si sa che storia, cultura e tradizioni sono racchiusi nella grappa che quindi deve essere valorizzata e protetta: gli strumenti per far ciò oggi sono disponibili.
A questi temi ed al futuro della grappa sarà dedicato mercoledì prossimo 16 Aprile alle ore 9,30 presso la Corte Benedettina di Veneto Agricoltura a Legnaro (PD) un convegno dal titolo “La Grappa oltre la Grappa. Un valore in più: l’Istituto Grappa Veneta si prepara alla certificazione”. L’incontro, organizzato dall' IGV (Istituto Grappa Veneta) e Veneto Agricoltura, avrà come oggetto le tecniche di distillazione, il Progetto di caratterizzazione della grappa veneta e la tutelata del prodotto attraverso un idoneo disciplinare di certificazione. Ed è proprio questa la grande novità.
Nel Veneto, dove è presente il maggior numero di distillerie e da dove è partita la fase di trasformazione dell’immagine della grappa, ora si pensa a tutelare questo prodotto tipico da concorrenti che mettono a rischio la tradizione, la cultura e la storia racchiuse nelle grappe. Oggi tutto ciò è possibile grazie a nuove scoperte tecnico-scientifiche che permettono di identificare con chiarezza alcune caratteristiche chimico-fisiche che ne identificano la provenienza e per certi versi la storia.
Parteciperanno all’incontro Luigi Odello, Presidente del Centro Studi Assaggiatori e professore di Analisi sensoriale nelle Università di Verona, Udine e Cattolica di Piacenza; Francesco Pavanello, Codirettore Unione Italiana Vini; Stefano Soligo, responsabile distilleria sperimentale di Veneto Agricoltura; Gaetano Maria Fara del Dipartimento di Scienze e Sanità Pubblica dell'Università La Sapienza di Roma; Giampiero Rorato, studioso di enogastronomia. Saranno inoltre presenti il VicePresidente della Regione Veneto e l’Amministratore Unico di Veneto Agricoltura.

Ufficio Stampa