Lunedì, 20 Novembre 2017 CercaCerca  
22.09.08 Sicurezza, in agricoltura si infortuna 1 su 10

Veneto Agricoltura avvia un programma di formazione-informazione

 

Un dato per tutti: in campagna per ogni 1.000 occupati 97 si infortunano, mentre sono 79 nell’industria e 43 nei servizi, senza contare poi le morti bianche, di poco inferiori all’edilizia e all’industria. Anche una semplice scala a pioli appoggiata male ad un albero da frutto può trasformarsi in un pericolo per la sicurezza degli agricoltori. Dai trattori che si ribaltano ai fertilizzanti usati male, dagli attrezzi meccanici alle cisterne per lo stoccaggio di sementi e letame, la cosiddetta “incidenza di infortuni” è in agricoltura ormai "fuori scala": un ricettacolo di pericoli spesso sottovalutato dagli stessi operatori che sempre più numerosi rimangono vittime di infortuni a volte anche mortali. Una piaga facilmente sanabile attraverso una corretta e capillare informazione sui pericoli e sui rischi, una cultura della sicurezza da sviluppare anche grazie a corsi specifici. E' la proposta che Veneto Agricoltura rivolge agli operatori del settore, una serie di progetti formativi che partiranno il prossimo 1 ottobre presso la Corte Benedettina di Legnaro (PD). L’iniziativa, promossa in collaborazione con la Regione del Veneto, l’INAIL, Provincia di Treviso e l'EBAT (Ente Bilaterale Agricoltura Trevigiana), prevede azioni di formazione dei consulenti, degli imprenditori e dei lavoratori, la costituzione di una Comunità professionale, la produzione e diffusione di kit informativi (schede, manuali, cdrom, ecc.) per la crescita di una cultura della sicurezza nel settore agricolo. Tre saranno i moduli formativi, il primo corso per “Addetto e responsabile di prevenzione e protezione”, il secondo sarà specialistico per il “macrosettore agricoltura” e il terzo sarà un’ulteriore specializzazione “Responsabile servizio di prevenzione e protezione”. Requisiti per partecipare sono il titolo di studio di scuola superiore o laurea; le preiscrizioni devono pervenire entro il 25 settembre a Veneto Agricoltura (modalità di iscrizione sul sito www.venetoagricoltura.org - sezione corsi). Dato il forte interesse riscontrato da questa iniziativa e dal numero di prescrizioni già raccolte, Veneto Agricoltura prefigura l’ipotesi di riedizione dei corsi. Per ulteriori informazioni contattare il settore divulgazione di Veneto Agricoltura al n. 049.8293920 o e-mail divulgazione.formazione@venetoagricoltura.org.

 

 

Ufficio Stampa