Sabato, 21 Ottobre 2017 CercaCerca  
09.03.10 Convegno nazionale: coniglicoltura, un'antica tradizione in crisi

Domani, ore 10.00, presso la Corte Benedettina (Legnaro-PD) anteprima del Piano Cunicolo Nazionale, presenti esperti e operatori del settore.

E’ in atto, da tempo, una crisi di redditività per i nostri produttori, nonostante l’Italia sia il secondo produttore mondiale di carne di coniglio - dopo la Cina, anche se il Sudamerica con Venezuela e Bolivia incalzano, e il Veneto è la regione leader nel nostro Paese. Queste le riflessioni alla base del meeting nazionale di domani mercoledì 10 marzo ore 10.00 presso la Corte Benedettina a Legnaro (PD), dove verrà presentato in anteprima il PIANO CUNICOLO NAZIONALE e affrontate le prospettive dell’allevamento del coniglio nel NordEst. L’incontro sarà aperto dall’Amministratore Unico di Veneto Agricoltura, cui seguirà la relazione del V.Presidente di Avitalia e Pres. dell’Ass.ne “Coniglio Veneto” Stefano Bison. In programma le relazioni del Ministero (il Piano Cunicolo Nazionale) e quelle delle organizzazioni di settore. Chiuderà l’incontro il V.Presidente della Regione e Assessore all’Agricoltura.

Ma quali sono i punti di debolezza che hanno messo in crisi un settore storico come quello dell’allevamento del coniglio, animale da sempre presente tra gli animali cosiddetti da cortile della nostra tradizione rurale?

Diverse le cause: variabilità dei prezzi, stagionalità della domanda, ciclicità delle produzioni, evoluzione continua delle norme su qualità, sicurezza alimentare e benessere animale. E ancora, una struttura produttiva polverizzata, assenza di specifiche ed adeguate politiche di promozione e di informazione alimentare, consumatori con un’età anagrafica alta.

Le soluzioni verranno certamente prospettate domani durante l’incontro, anche se

sembra necessario individuare azioni finalizzate al potenziamento economico e produttivo del settore assieme ad un’azione di comunicazione sulle qualità della carne di coniglio (bianca, a basso contenuto di colesterolo), che coinvolga, ad esempio, le scuole, le mense scolastiche e i pediatri.

Ufficio Stampa