Sabato, 16 Dicembre 2017 CercaCerca  
Bollettino colture erbacee n. 22 del 30 giugno 2010
bollettino colture erbacee 1

DIABROTICA: ormai completato lo sviluppo delle larve; l’eventuale semina di mais dopo un frumento non comporterà lo sviluppo della popolazione, anche se il cereale fosse stato seminato dopo mais del 2009 in zona con presenza di diabrotica.
Dai riscontri effettuati la presenza di larve è risultata significativa solo in appezzamenti a monosucccessione di mais di alcuni comuni della parte più occidentale della provincia di Verona a confine con la Lombardia ove in appezzamenti isolati sono stati anche osservati danni radicali apprezzabili ed allettamenti. Nelle altre zone le popolazioni larvali sono risultate molto basse.
Per valutare la presenza della specie è utile il posizionamento delle trappole ; per la gran parte della regione, stante le popolazioni ancora basse, la trappola più adatta è quella a feromone sessuale.
Il calcolo dei gradi calore con il modello di Nowatzki et al. indica l’inizio della presenza delle femmine (al 15% dello sfarfallamento complessivo). Non si è ancora raggiunto il momento ottimale per eventuali trattamenti insetticidi contro gli adulti in appezzamenti in cui si preveda la semina del mais nel 2011 e le popolazioni siano particolarmente elevate. Si ricorda comunque che l’avvicendamento (evitare di fare mais dopo mais) in tali aree è la soluzione più efficace che evita la necessità sia di trattamenti contro gli adulti nell’anno sia trattamenti alla semina nell’anno successivo.
Indicazioni pratiche su trappole da usare ed altri aspetti posso essere richiesti utilizzando i contatti sotto.

PIRALIDE: si conferma che la prima generazione si sta sviluppando con livelli di popolazione bassi; le catture delle trappole luminose risultano molto basse e i segni dell’attività larvale limitati

ELATERIDI: le trappole YATLORf consentono di conoscere i livelli di adulti di tutte le specie di interesse agrario; nel periodo vanno innescate con i feromoni per le specie Agriotes ustulatus ed Agriotes litigiosus; per avere dati attendibili la posa deve essere sollecita; la stessa trappola nella versione con il fondo alto (e l’aggiunta di materiale con azione insetticida nel fondo) è utile a monitorare i livelli di diabrotica aggiungendo lo specifico feromone nella posizione alta.

HELICOVERPA HARMIGERA: questa specie negli ultimi anni, in talune zone, ha provocato danni su mais ed altre colture in Veneto. La specie può alimentarsi su molte piante e presenta due generazioni. Una rete di trappole a feromoni sessuali (efficaci per monitorare la specie) è stata installata al fine di individuare le aree in cui la specie è effettivamente presente a livelli potenzialmente dannosi e i periodi in cui, per la fase suscettibile della coltura e la presenza delle larve, si possono verificare danni ed essere eventualmente necessari interventi di controllo.
 individuare

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare chiama il numero 0498293847 o scrivi a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org. Ulteriori informazioni sul sito Veneto Agricoltura


APPROFONDIMENTI

Somme termiche campagna 2010

Percentuale di emergenza raggiunta in campo dalle infestanti: campagna 2010


DA NON DIMENTICARE

LA DIFESA DEL MAIS NELLE PRIME FASI DI SVILUPPO: conoscenze ed esperienze di lotta integrata

Diabrotica virgifera virgifera Leconte 

Insetti dannosi al mais e micotossine

 

LINK CONSIGLIATI

Servizi Fitosanitari Regionali

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto

Il “Bollettino colture erbacee” è curato da Veneto Agricoltura
Viale dell'Università, 14   35020 Legnaro (PD)
Settore Ricerca e Sperimentazione 
Dirigente di Settore: Dr. Lorenzo Furlan 
bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org