Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
04.08.10 Organismi Geneticamente Modificati

OGMLa Commissione propone un approccio flessibile sugli OGM
Grazie alle proposte presentate dalla Commissione europea, gli Stati membri dell'Unione Europea saranno presto liberi di decidere se consentire o meno ai propri agricoltori di coltivare degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM). Così, i Paesi non dovranno più ricorrere necessariamente alla cosiddetta clausola di salvaguardia per impedirne l'uso sul suolo nazionale. È una delle novità contenute nel pacchetto varato dall'esecutivo europeo che contiene una Comunicazione che spiega proprio le linee guida del nuovo e più flessibile approccio nei confronti degli OGM. La Comunicazione è inoltre accompagnata da una Raccomandazione non vincolante su una nuova e più flessibile interpretazione del principio di coesistenza tra produzioni convenzionali, biologiche e OGM. Infine, la Commissione ha proposto di modificare la Direttiva attualmente in vigore 2001/18/CE nel senso che gli Stati membri potranno permettere o proibire la coltivazione di questi organismi sul loro territorio.

Autorizzati cinque tipi di mais OGM
Si tratta del 1507x59122, 59122x1507xNK603, MON88017xMON810, MON89034xNK603 e Bt11xGA21 e una decisione che rinnova l'autorizzazione del mais Bt11. Questi sei provvedimenti riguardano l'autorizzazione per l'uso alimentare e, per i mangimi, l'importazione e la trasformazione, ma non per la coltivazione. I sei tipi di mais geneticamente modificato in questione hanno ricevuto, tra febbraio e settembre 2009, una valutazione positiva sulla loro sicurezza da parte dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) di Parma e hanno superato l'intera procedura di autorizzazione prevista dalla legislazione comunitaria. Dato che i 27 Stati membri dell'UE non sono riusciti a mettersi d'accordo a maggioranza qualificata a favore o contro queste sei autorizzazioni in sede di Comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali (SCoFCAH) e di Consiglio dei Ministri  nelle riunioni tenutesi nei mesi scorsi, i fascicoli sono stati rinviati alla Commissione per una decisione, che è arrivata in questi giorni. Le autorizzazioni sono valide per 10 anni e tutti i prodotti ottenuti da mais geneticamente modificato saranno oggetto di rigorosa etichettatura dell'UE e sottostare alle norme di tracciabilità. Le decisioni odierne sono il risultato di una procedura standard per l'utilizzazione di OGM in alimenti e mangimi, ma riguardano la coltivazione. Sulla coltivazione la proposta della Commissione è stata presentata il 13 luglio scorso e lascia la libertà di decisione a ciascuno Stato. Il nuovo approccio della Commissione sulla coltivazione di OGM è flessibile e prende in considerazione i desideri degli Stati membri, ma mantiene una solida base scientifica al momento di concedere qualsiasi tipo di autorizzazione. L'obiettivo è chiaro: assicurare un livello elevato di tutela della vita, della salute e del benessere, dell'ambiente e degli interessi dei consumatori, garantendo un funzionamento efficace del mercato interno