Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
10.08.10 E’ crisi per la vongola di mare pescata in Alto Adriatico

Il comparto dei molluschi bivalvi, in primis la vongola, sta attraversando un periodo di estrema crisi, che sta mettendo a dura prova la resistenza degli operatori del settore. I cali produttivi registrati rispetto al 2008 oscillano tra il 15% di Ravenna e il 61% di Monfalcone, con una media del 49%. Per i Consorzi di Gestione Vongole di Chioggia e Venezia il decremento è del 55% e, rispetto al 2007, è stato addirittura del 71%.

La pesca della Chamelea Gallina rappresenta una delle principali attività ittiche dell’Alto Adriatico, e della fascia costiera veneta in particolare. Negli anni si sono succedute diverse morie, ma l’ultima, che si è registrata verso la metà del 2008 con una progressione da nord a sud, sembra avere carattere strutturale. Si è creata quindi una situazione di crisi permanente che ha messo in ginocchio il comparto che solo in Veneto coinvolge 360 famiglie.

La ragione di questa moria non è stata ancora individuata, si pensa ad un insieme di concause, ma nessuna scientificamente provata nonostante siano stati avviati diversi studi atti anche a verificare la qualità delle acque. Si è creata, quindi, una profonda sfiducia ed esasperazione negli operatori del comparto che si sono trovati ad affrontare mesi e mesi di fermo obbligato che ancora continua. I pescatori già da anni sono impegnati in attività di riorganizzazione e di ripopolamento finalizzata a una gestione sostenibile del settore. Tale attività si è intensificata in Veneto anche grazie a un finanziamento regionale che ha permesso ai Cogevo di Chioggia e Venezia uno spostamento di 200 tonnellate di novellame da aree nursery ad aree in sofferenza.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il n. 34 della newsletter “La pesca in numeri”