Mercoledì, 18 Ottobre 2017 CercaCerca  
20.08.10 In vigore nuove norme europee per i trattori

trattorePer trattori, rimorchi e attrezzature trainate sono entrate in vigore una cinquantina di direttive, oltre alle regole nazionali d'attuazione dei 27 Stati membri. Tutte queste norme saranno presto sostituite da soli cinque regolamenti, in pratica: più sicurezza e meno burocrazia in un colpo solo.

Vediamo brevemente di cosa si tratta. Per i sistemi frenanti le nuove regole prevedono l'installazione obbligatoria di sistemi antibloccaggio (ABS)  su alcune categorie di veicoli (trattori veloci T5 e loro rimorchi con velocità superiore a 40 km/h); una miglior resa in fase di decelerazione e una maggiore compatibilità tra trattori e rimorchi/attrezzature trainate. Le proposte per semplificare l'attuale quadro normativo in materia di omologazione dei veicoli revocano 24 direttive di base (e circa 25 direttive di modifica correlate) sui requisiti tecnici per i veicoli agricoli e forestali: tutte queste saranno rimpiazzate da un unico regolamento, direttamente applicabile in tutti i 27 Paesi dell'UE. Le ripercussioni saranno positive anche sul mercato di questi mezzi.

Al "regolamento madre" si affiancheranno soltanto tre atti delegati contenenti particolari tecnici e procedure di prova nonché un atto di attuazione per quanto concerne gli aspetti amministrativi. Il regolamento proposto comporta nuovi requisiti relativi ad un'unica misura di sicurezza avanzata, segnatamente i sistemi frenanti antibloccaggio, oltre ad alcuni aggiornamenti tra i requisiti in materia di frenatura, come ad esempio distanze di frenatura più brevi e l'introduzione di sistemi idrostatici.

Sono ora disponibili nuove tecnologie, come appunto l'ABS, che possono essere introdotte nel prossimo futuro, il che consentirà di migliorare notevolmente la sicurezza dei veicoli. Dalla ricerca è emerso che si trarrebbero vantaggi significativi dall'introduzione di tali tecnologie quali dotazioni di serie sui nuovi veicoli. Fissare nuovi requisiti obbligatori impedirebbe inoltre la frammentazione del mercato interno a seguito dell'emergere di diverse norme di prodotto tra i vari Stati dell'UE.