Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
30.08.2010 Veneto, per la vendemmia un 2010 migliore del 2009 (+4,5%)

Come sarà la vendemmia nel Nord-Est d’Italia?. Se né parlerà Il 1° Settembre presso la Corte Benedettina di Veneto Agricoltura - Legnaro (PD). Presenti Paolo Pizzolato e Franco Manzato.

Da diversi anni Veneto Agricoltura – Europe Direct, con la collaborazione di Regione Veneto e Avepa dedica alle previsioni vendemmiali nel Nord-Est d’Italia un appuntamento imperdibile per gli addetti ai lavori e gli appassionati.

Un incontro che quest’anno si svolgerà il 1° Settembre dalle 09.30 a Legnaro (PD) presso la Corte Benedettina (di Veneto Agricoltura).

Com’è tradizione, nel corso dell’incontro, al quale sono invitati gli operatori della filiera viticola-enologica del Triveneto, saranno fornite le prime stime di produzione di carattere quanti-qualitativo dell’imminente vendemmia nelle diverse province del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige.

E proprio per anticipare qualche dato si evidenzia come, dai primi riscontri, il Veneto sembra lanciato verso un + 4,5% di raccolta sul 2009 con le province di Treviso e Verona, dove si concentrano i trequarti della produzione vinicola veneta, a far da traino.

L’incontro sarà suddiviso in due momenti: all’illustrazione dei dati previsionali 2010 seguirà un focus di approfondimento sul nuovo ruolo dei consorzi di tutela di fronte alle opportunità offerte dalla riformata Organizzazione Comune di Mercato Vitivinicola.

Introdurrà l’appuntamento l’Amministratore Unico di Veneto Agricoltura Paolo Pizzolato e concluderà la giornata l’intervento dell’Assessore Regionale all’Agricoltura, Franco Manzato. I dati saranno presentati da Antonio Calò di CRA-VIT Conegliano mentre al focus, coordinato da Renzo Michieletto di Veneto Agricoltura – Europe Direct parteciperanno Michele Zanardo, del Comitato Nazionale Vini, Riccardo Ricci Curbastro di Federdoc, Carlo Favero del Consorzio tutela vini Lison Pramaggiore, Giancarlo Vettorello del Consorzio Tutela Conegliano Valdobbiadene e Aldo Lorenzoni del Consorzio tutela Vini Soave.

 

Ufficio Stampa