Venerdì, 15 Dicembre 2017 CercaCerca  
06.10.10 Florovivaismo veneto: male le esportazioni, bene i consumi

Il saldo commerciale italiano di import-export di piante e prodotti florovivaistici si mantiene sempre positivo (167 milioni di euro) anche nel 2009, ma diminuisce di circa il -18% rispetto al 2008. Ad incidere in modo particolare è stata la riduzione delle esportazioni (566 milioni di euro, -9%) a fronte di una diminuzione più contenuta delle importazioni (399 milioni, -5%). Il saldo si mantiene positivo anche in termini di quantità (241 mila tonnellate), ma anche in questo caso in calo dell’11% rispetto al 2008. Nota positiva: diminuisce il saldo negativo per quanto riguarda i fiori (da -98 milioni a -90 milioni di euro), le cui importazioni superano i 149 milioni di euro. Diminuisce però anche il saldo commerciale delle piante vive, comunque positivo a 239 milioni di euro, che continuano a rappresentare la parte più cospicua delle importazioni (191 milioni di euro, stabili rispetto al 2009) e costituiscono circa il 76% delle esportazioni italiane in valore (430 milioni di euro, - 6%). Il dettaglio regionale, disponibile solo per le piante vive, evidenzia per il Veneto un aumento delle importazione (35 milioni di euro, +14% rispetto al 2008) a fronte di un calo anche più consistente delle esportazioni (12,5 milioni di euro, -17%). Di conseguenza peggiora il saldo negativo che si porta a -22,8 milioni di euro (+42% rispetto al 2008).

bilancia commerciale florovivaismo

Per quanto riguarda i consumi nazionali di prodotti florovivaistici, l’indagine realizzata dall’Ismea evidenzia per il 2009 una diminuzione della spesa complessiva di fiori e piante di circa il 5% rispetto al 2008: nel complesso si attesta a circa 2,2 miliardi di euro. I consumi di fiori sono stati circa 1,3 miliardi di euro (-4,4%), mentre quelli di piante 950 milioni euro, in crescita del 3,7%. L’analisi per area geografica vede ai vertici dei consumi le regioni del Sud con la Sicilia (30% del totale nazionale) e il Nord Ovest (26%). Il Nord-Est, con l’Emilia-Romagna, è l’area con la quota di spesa più bassa (21%), mentre Centro Italia e Sardegna, raggiungono il 22%. Per quanto riguarda il Veneto e tutta la zona del Nord-Est, si evidenzia un aumento della spesa media per acquirente, che passa da 79 a 83 euro, in controtendenza rispetto al dato nazionale.

consumi fiori e piante

I due principali canali d’acquisto di fiori e piante in termini di valore della spesa rimangono, anche nel 2009, il negozio tradizionale (49,5% delle vendite) e i garden center/vivai (18%); ciò vale anche per il Nord-Est, sebbene con percentuali differenti. Infatti la quota di spesa effettuata nei garden/vivai è più rilevante (26,5%) e in continua crescita, mentre quella dei negozi tradizionali è più o meno stabile attorno al 45% del totale. Rilevante anche la spesa effettuata tramite il canale “altro” (super/iper, brico, internet, ecc.) che sfiora il 19% (in Italia è del 16%) mentre sono residuali gli acquisti effettuati presso chioschi lungo la strada (9%), che invece a livello nazionale raggiungono il 16,5% della spesa in valore.

Nel primo semestre del 2010 i dati evidenziano un ulteriore calo dei consumi dell'1% rispetto allo stesso periodo del 2009. Per quanto riguarda il Veneto e il Nord-Est, nel primo semestre 2010, la spesa di fiori e piante viene stimata in circa 260 milioni di euro, in leggero aumento del 3% rispetto allo stesso periodo del 2009. Il dato conferma una maggiore capacità della nostra regione e più in generale di tutta l’area di sopportare le difficoltà legate all’andamento economico generale, che invece a livello nazionale incide in maniera negativa sia sul numero di acquirenti che sulla spesa media mensile, con ovvie ripercussioni sulla spesa complessiva finale.

Per saperne di più Visita le pagine dedicate alla newsletter "IL FLOROVIVAISMO VENETO"