Mercoledì, 18 Ottobre 2017 CercaCerca  
16.03.2011 2009: Boom della cooperazione agroalimentare veneta

Cresce il fatturato dal 2005 (+65%), diminuiscono i soci ma aumentano gli addetti. I dati di un’analisi di Veneto Agricoltura

La cooperazione agroalimentare in Veneto è in salute. Lo dicono i numeri di una ricerca sull’andamento 2009 del comparto promossa dal Settore Economia, Mercati e Competitività di Veneto Agricoltura. Uno su tutti: il fatturato 2009 che segna un +65% (5 miliardi di euro nel 2009) sul 2005, frutto di un trend positivo in costante aumento. Quattrocentoquindici le cooperative attive in Veneto, un dato pressoché invariato rispetto al 2005. Diminuiscono i soci che passano dai 78.900 del 2005 ai 75.500 del 2009 (-3%) ma aumentano gli addetti impiegati (oltre 10.000, +11%). Spulciando la ricerca si scopre che sono diminuite nel 2009 rispetto al 2005 le cooperative con classi di fatturato inferiore al milione di euro (-7%), per quanto rappresentino il 25% del totale delle cooperative attive in Veneto, mentre sono cresciute quelle che superano i 10 milioni di euro (+6%, 20% del totale). Un segnale evidente di quanto le aziende cooperative si stiano consolidando e dimensionando per affrontare meglio la competizione internazionale. Curioso il dato sul numero dei soci per cooperativa considerato l’aumento del numero di aziende con meno di 50 soci (dal 49% nel 2005 al 63% nel 2009, del totale). A livello provinciale Verona conferma la sua matrice cooperativistica esprimendo nel 2009 il 36% del totale delle cooperative attive in Veneto, il 33% delle aziende agricole associate ed oltre il 51% del fatturato complessivo del settore. Seguono, per numero di cooperative, la Provincia di Padova (16%) e di Treviso (16%). Il maggior numero di cooperative rientrano nel comparto ortoflorifrutticolo (25%), seguite da quelle di servizi (23%) e lattiero – casearie (19%). In termini di aziende agricole associate, il comparto dei servizi ne aggrega il 46%, il comparto vitivinicolo il 33% e il 10% il comparto ortoflorifrutticolo. La presenza della più importante realtà cooperativa avicunicola nazionale pone il comparto zootecnico al primo posto per fatturato aggregato (49%). Seguono il vitivinicolo (17%) e i servizi (16%).

 

Ufficio Stampa