Giovedì, 19 Ottobre 2017 CercaCerca  
17.06.2011 Pesca Veneta 2010, ancora crisi

Scarsità di risorse e andamento climatico sfavorevole, bilancia commerciale – 200 milioni. In difficoltà Caorle e Pila Porto Tolle, meglio Chioggia. Le analisi di Veneto Agricoltura.

Catture della pesca in calo del 12% e bilancia commerciale in negativo ( - 198,7 milioni di euro), il settore ittico veneto, versa anche per il 2010 in stato di crisi. E’ quanto emerge dalle analisi degli esperti di Veneto Agricoltura riguardanti la pesca marittima e lagunare nel 2010. Diverse le determinanti del mal andamento del settore. Prime fra tutte la scarsità di risorsa affiancata allo sfavorevole andamento climatico, che fino a metà dicembre ha fatto registrare trenta giornate lavorative in meno. A queste va poi aggiunta una serie di regolamentazioni entrate in vigore a giugno 2010 che prevedono il divieto di pesca a strascico entro le tre miglia dalla costa e il divieto di utilizzo di reti a maglia inferiore a quella regolamentare. Un duro colpo per tutto il comparto del piccolo strascico e della pesca artigianale che caratterizza il Veneto e il Nord Adriatico, che ha causato una contrazione del 10% dei quantitativi sbarcati dalla flotta peschereccia veneta. Continua a preoccupare anche il comparto delle vongole di mare, gravemente compromesso, cui si stanno cercando piani risolutivi di gestione innovativi e concertati.

Il transito di prodotto nei sei mercati ittici regionali si è attestato a 31.801 tonnellate, -6,7% rispetto al 2009. La maggiore perdita la detengono i mercati di Caorle ( - 41,7%) e Pila Porto Tolle ( - 33,6%), va bene invece Chioggia con una significativo aumento del + 8,4%. Dati positivi anche per l’allevamento di molluschi, dove la mitilicoltura traina il comparto con un incremento di quasi il 30%, mentre le vongole filippine sono in aumento del 10%. Costante il trend in diminuzione della flotta marittima veneta ( -15 unità per un totale di 715 imbarcazioni) che nonostante ciò segna un rialzo della Gross Tonage (stazza lorda) del 2,8% evidenziando un incremento dello sforzo di pesca.

 

Ufficio Stampa