Martedì, 17 Ottobre 2017 CercaCerca  
Bollettino colture erbacee n. 63 del 08 agosto 2011
bollettino colture erbacee 1

MAIS

DIABROTICA:  i livelli delle catture con le trappole cromotropiche (si vedano modalità di monitoraggio ufficiali con trappole cromotropiche) stanno drasticamente calando mentre si mantengono costanti o crescenti i dati registrati con le trappole a feromoni basati su sostanze attrattive anche per le femmine che comunque risultano aver già ovideposto per la gran parte, rendendo ormai inutili eventuali interventi adulticidi. Si ribadisce che in caso di popolazioni elevate l’avvicendamento (rompere la monosuccessione con altra coltura) in tali appezzamenti è la soluzione più efficace che evita la necessità sia di trattamenti contro gli adulti nell’anno sia trattamenti alla semina nell’anno successivo.

PIRALIDE:  prosegue il calo dello sfarfallamento degli adulti; allo stato, per il lungo periodo di ovideposizione, negli appezzamenti sono presenti tutti gli stadi di sviluppo (dalle ovature appena deposte alle crisalidi);  ove le popolazioni sono consistenti è ormai elevata la percentuale di spighe in cui sono entrate le larve in assenza di trattamenti; il vantaggio di eventuali trattamenti insetticidi risulta ormai trascurabile se non per il mais in semina ritardata, che risulta, oltre che più attrattivo, più suscettibile o perchè le piante sono in fase di sviluppo o perchè vi è  la presenza di spighe nelle prime fasi.

SOIA - ragnetto rosso:  verificare se le piogge o eventuali irrigazioni a pioggia, che possono determinare un buon controllo naturale ove apprezzabili, hanno effettivamente ridotto le colonie  e/o se sono presenti sulla maggior parte delle colonie predatori come antocoridi, Stethorus punctillum, Oligota flavicornis,…; in questo periodo stagionale anche valori superiori alla soglia indicativa  (2 forme mobili per foglia - campione di 100 foglie/ha) non comportano rischi apprezzabili perlomeno per  la soia di primo raccolto o comunque ben sviluppata, se vi è presenza di predatori;
Helicoverpa armigera: il volo risulta in esaurimento e, ove presenti popolazioni apprezzabili, le erosioni causate dalle larve sono ormai evidenti; i danni causati dalle larve; si continuerà il monitoraggio delle popolazioni per prevedere in tempo utile la presenza di popolazioni larvali,  particolarmente pericolose sulla soia di secondo raccolto.

Si ricorda che, in ogni caso, i trattamenti insetticidi non vanno effettuati in periodo di fioritura. Controllare con attenzione i tempi di carenza dei fitofarmaci in funzione dell’epoca di raccolta prevista; la convenienza di un eventuale trattamento oltre che dai livelli del fitofago, dall’ibrido, dalle condizioni pedoclimatiche dipende dal momento di raccolta e tende a diminuire tanto più ravvicinata è la raccolta.

Indicazioni pratiche su trappole da usare  (si vedano modalità di monitoraggio ufficiali con trappole cromotropiche) e relative modalità nonché la loro fornitura possono essere richieste utilizzando i contatti sotto o direttamente al Servizio Fitosanitario regionale.

MISURE – AGRO-AMBIENTALI PSR/ AGRICOLTURA CONSERVATIVA (sottomisura 214i  azioni 1 e 2):  

ERBAI ESTIVI:
Per chi ha aderito alla sottomisura 214 i, l’avvicendamento colturale prevede la copertura continuativa del terreno durante tutto l’arco dell’anno. Al fine di individuare le migliori soluzioni agronomiche in grado di centrare gli obiettivi delle misure presso le aziende pilota dimostrative di Veneto Agricoltura sono in corso sperimentazioni che confrontano, a parità di condizioni, diverse soluzioni di erbai estivi utili alla copertura del terreno. Le prove sono visitabili fino alla raccolta previa richiesta.

ANALISI DEL TERRENO:
In base a quanto previsto dalla normativa, entro l’anno è necessario procedere ai campionamenti del terreno per effettuare le analisi previste da entrambe le misure agro ambientali del PSR (sottomisura 214i azioni 1 e 2) sia per le aziende che hanno aderito nel 2010 (procedure semplificate) si aper quelle che hanno aderito nel 2011 (procedura iniziale completa). Il periodo più opportuno appare quello subito dopo la raccolta delle colture primaverili-estive.
La metodologia di campionamento e le analisi previste possono consentire di ottenere, oltre a una buona descrizione dello stato di partenza dei terreni destinati all’agricoltura conservativa, per valutare successivamente le modificazioni che le nuove tecniche indurranno, utili informazioni per una razionale gestione agronomica dei terreni.
Veneto Agricoltura è a disposizione per dare assistenza, eventualmente anche operativa; per richieste: tel. 0498293847; bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org.
Ulteriori informazioni sul sito www.venetoagricoltura.org/....

Si ricorda che mercoledì 10 agosto prossimo, presso l’Azienda Pilota e Dimostrativa Vallevecchia di Caorle, via Dossetto 1, è possibile visitare le sperimentazioni sulla Piralide. Prenota il posto sull’apposito carro porta persone con il quale si potranno osservare anche le numerose altre sperimentazioni realizzate in azienda

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare chiama il numero 0498293847 o scrivia bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org. Ulteriori informazioni sulsitodi Veneto Agricoltura alla pagina dedicata al "Bollettino colture erbacee".

____________________________________________________________