Mercoledì, 13 Dicembre 2017 CercaCerca  
16.07.2012 "ADRIAWET 2000": NordEst e Slovenia assieme per la biodiversità

La presentazione venerdì 20 luglio (ore 9.15) a Fiumicello (UD) del progetto transfrontalierio di tutela delle zone umide dell’Adriatico. Veneto Agricoltura tra i principali partner.

Venerdi 20 Luglio 2012 alle ore 9.15 presso la sala Bison di Fiumicello (UD) verrà presentato ADRIAWET 2000 (Adriatic Wetlands for Natura 2000), progetto finanziato dal Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia- Slovenia 2007-2013. Il progetto vede la partecipazione di partner italiani e sloveni tra cui spicca Veneto Agricoltura assieme ai gestori della Riserva Naturale Regionale Foce dell’Isonzo, il Comune di Staranzano (GO), il Consorzio Cooperative Sociali il Mosaico, e DOOPS BirdLife Slovenia.

L’obiettivo di ADRIAWET 2000 è quello di sviluppare un sistema di gestione integrata dei territori coinvolti tra i due paesi che renda la tutela della biodiversità delle zone umide dell’Adriatico in aree Natura 2000 un elemento di attrattività e crescita sostenibile. Si concentrerà sulla definizione di programmi innovativi per la gestione integrata del territorio attingendo dall’esperienza delle realtà più avanzate a livello europeo e definendo modelli di cooperazione locale in grado di coinvolgere nuovi attori, di favorire azioni di sviluppo sostenibile e di produrre concreti risultati in termini occupazionali nelle aree Natura 2000. Non sarà inoltre tralasciata la progettazione congiunta di contenuti e azioni comuni a favore dell’educazione ambientale, della sensibilizzazione e dell’animazione culturale che sono ambiti in cui i partner coinvolti possiedono dimostrata eccellenza.

Il progetto punta inoltre ad organizzare in forma di rete transfrontaliera la raccolta, il monitoraggio e la gestione delle principali conoscenze scientifiche cercando di unire natura ed attività economiche tenendo conto delle principiali esigenze di habitat e specie presenti nei siti e con riferimento, inoltre, alle relazioni esistenti e necessità su scala territoriale.

Durante il “kick-off meeting” di venerdì verranno presentati i primi risultati raggiunti dai tecnici naturalisti a disposizione dei partner del progetto.