Sabato, 21 Ottobre 2017 CercaCerca  
18.01.2013 Vino veneto 2012: un miliardo di export

A Soave (Vr), mercoledì 23 gennaio (ore 10,00), da Veneto Agricoltura, Regione e Avepa i dati definitivi sul vitivinicolo 2012. Veneto sempre in testa. Uno studio per comprendere le strategie dei Paesi produttori dell’emisfero sud.

Il Veneto si colloca ancora una volta in vetta alla classifica delle Regioni viticole italiane. I dati 2012 parlano chiaro: 76.000 ettari destinati a vigneto (+ 5% rispetto all’anno precedente), 40.000 produttori (compresi i piccoli agricoltori), 9 milioni e 250 mila ettolitri di vino prodotti nell’ultima vendemmia, oltre un miliardo (1,026) di euro il valore dell’export.

Com’è ormai tradizione, al comparto del vino, punta di diamante dell’agricoltura regionale, Veneto Agricoltura-Europe Direct Veneto, Regione Veneto e Avepa, dedicano a inizio anno il terzo meeting del “Trittico Vitivinicolo”, unica iniziativa del genere in Italia (gli altri due appuntamenti si tengono a giugno e settembre), con il quale viene monitorato passo passo l’andamento del settore.

Il convegno (“Internazionalizzazione del vino veneto e strategie dell’altro mondo”), in programma mercoledì 23 gennaio alle ore 10,00 presso la splendida cornice del Borgo Rocca Sveva della Cantina di Soave (Vr), sarà l’occasione per fotografare l’andamento del comparto e preparare i produttori alle sfide future.

L’obiettivo é quello di illustrare agli operatori i dati consuntivi dell’ultima vendemmia nel Veneto (suddivisi per provincia) appena sfornati dal sistema informativo di Avepa, grazie al quale lo schedario viticolo regionale é stato completamente informatizzato. Nell’occasione saranno presentati anche i dati 2012 dei vini veneti DOCG, DOC e IGT.

A Soave si parlerà anche di export di vino veneto, che nei primi nove mesi del 2012, come detto, ha già abbondantemente superato il miliardo di euro, e presentati i risultati di uno studio conoscitivo realizzato da Veneto Agricoltura sui piani strategici del vino pubblicati negli ultimi anni da cinque Paesi produttori “dell’altro mondo”: Australia, Nuova Zelanda, Cile, Argentina e Sudafrica, nel tentativo di capire come queste realtà vitivinicole lontane, che rappresentano circa il 25% della quantità totale di vino commercializzata a livello globale, si stanno muovendo per aumentare la loro penetrazione sui mercati internazionali.

Al meeting parteciperanno, tra gli altri, l’Assessore regionale all’Agricoltura e il Commissario di Veneto Agricoltura.