Mercoledì, 18 Ottobre 2017 CercaCerca  
BIONET 2012/2014 - Rete regionale biodiversità di interesse agrario
 

qwejh

HOME REPORT NEWSLETTER PUBBLICAZIONI –  DESCRITTORI SOCIO/ECONOMICI


   

BIONET - Rete regionale della biodiversità

 



Il Programma, previsto dalla misura 214/H del PSR vede la collaborazione tra otto Enti veneti, coordinati da Veneto Agricoltura, che hanno costituito un’Associazione temporanea di scopo al fi ne di avviare azioni mirate e concertate (caratterizzazione, raccolta), nonché di accompagnamento (informazione, diffusione) fi nalizzate al recupero e alla conservazione di razze in via di estinzione e di specie vegetali a rischio di erosione genetica. La necessità di attivare un Programma fi nalizzato al recupero e alla conservazione della biodiversità di interesse agrario è motivata dalla considerazione che la diversità genetica rappresenta una risorsa che deve essere preservata per le generazioni future. Gli agricoltori e gli allevatori possono svolgere il ruolo di custodi della biodiversità ma a condizione che sia garantita una ragionevole redditività nell’impiego delle risorse genetiche locali. L’importante attività degli agricoltori e allevatori custodi non è da
sola suffi ciente, però, ad avviare un processo di valorizzazione della biodiversità quale fattore di sviluppo locale. Il Programma BIONET
accompagna le attività dei custodi con azioni mirate e concertate (caratterizzazione, raccolta), nonché di accompagnamento (informazio-
ne, diffusione) messe in atto da soggetti pubblici che operano nel campo della biodiversità a livello regionale.
Gli obiettivi del Programma BIONET sono:


- recupero, conservazione e caratterizzazione della diversità genetica di razze e di varietà di specie vegetali agrarie a rischio di estinzione e/o minacciate da erosione genetica;


- mantenimento o aumento del numero di varietà di specie vegetali agrarie coltivate e di capi delle diverse razze locali iscritti ai relativi RegistriAnagrafi ci o Libri Genealogici;


- identifi cazione, classifi cazione conservazione degli ecotipi di specie foraggere di pregio naturalistico;


- aumento della conoscenza e della sensibilità per la salvaguardia della biodiversità;


- realizzazione di azioni di informazione e diffusione dei risultati.


Gli Enti che hanno dato vita alla Rete regionale sono: Veneto Agricoltura, Amministrazione provinciale di Vicenza, Università di Padova; Istituto Zooprofi lattico Sperimentale delle Venezie, Centro di ricerca per la viticoltura (CRA-VIT) di Conegliano (Treviso) e gli Istituto Superiore di Istruzione Agraria di Feltre (Belluno), Padova e Castelfranco Veneto (Treviso). Il Programma in rete, coordinato da Veneto Agricoltura, prevede sette Gruppi di lavoro e 34 sottoprogrammi che vedono il coinvolgimento, per due anni (2013 e 2014), degli Enti associati in rete. A livello scientifi co il Programma BIONET vede il coinvolgimento di un team di oltre 30 tra Docenti, Ricercatori e Dottori di Ricerca. Non da ultimo comunque il valore culturale e storico, di quel che rimane oggi della biodiversità agraria veneta, ricordando un aforisma del fi losofo Bertrand Russell:
Ho gustato le pesche e le albicocche molto più di quanto le gustassi prima, da quando ho saputo
che si cominciò a coltivarle in Cina agli inizi della dinastia Han; e che i cinesi presi in ostaggio dal grande re Kaniska le introdussero in India,
da dove si diffusero in Persia giungendo all’impero romano nel primo secolo della nostra era. Tutto ciò mi rese questi frutti più dolci
.




      


  Per informazioni e approfondimenti: Maurizio Arduin  coordinatore del Programma

 

  

 

er

Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007 – 2013
Organismo responsabile dell’informazione: Veneto Agricoltura
Autorità di gestione:  Regione del Veneto – Direzione Piani e Programmi Settore Primario