Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
Roma: clima, ambiente, economia, dalle foreste italiane soluzioni

ROMA: CLIMA, AMBIENTE, ECONOMIA, DALLE FORESTE ITALIANE SOLUZIONI

Sono ben dieci le regioni italiane più il Ministero dell´Agricoltura e Foreste ed Inea, le realtà oggi presenti nella sede di FederlegnoArredo, che ha ospitato l´incontro organizzato da ANARF, l´Associazione Nazionale Attività Regionali Forestali presieduta da Paolo Pizzolato, Commissario Straordinario di Veneto Agricoltura. L´incontro é stato dedicato alla valutazione della situazione delle foreste italiane e in particolare alle opportunità che sono perseguibili presso l´Unione Europea; in particolare l´attenzione si é soffermata sulla possibilità di esenzione del settore foreste dalla normativa degli aiuti di Stato. La questione potrebbe anche rientrare all´interno della discussione europea sullo Sviluppo Rurale, in itinere, e quindi ancora in negoziazione. Una evoluzione positiva permetterebbe interessanti prospettive per il comparto, da sempre "una cenerentola", tanto che alcuni anni fa fu scritto che l´Italia era una realtà forestale "ricca di boschi poveri". "Questo comporta, è stato sottolineato da Pizzolato, alle ormai ben conosciute lacune sulla gestione e tutela del territorio, che emergono drammaticamente nel corso delle emergenze dovute al cambiamento climatico: frane, alluvioni, disastri. Ma, è emerso in positivo, una programmazione forestale, anche in relazione con quanto si andrà decidendo sullo Sviluppo Rurale europeo 2014-2020, potrebbe offrire interessati prospettive per la soluzione dei problemi sopra esposti, con anche creazione di nuovi posti di lavoro".

L´incontro, ha inoltre avuto come scopo quello di aprire un sentiero verso la realizzazione di un coordinamento tra foreste regionali e realtà nazionali (Ministero, Inea-rete rurale, etc.), per procedere in modo unitario, anzitutto verso l´interlocuzione nei confronti della UE. "L´andare sparsi a Bruxelles é un male nazionale, e la direzione intrapresa tende a colmare questa lacuna". Un nuovo appuntamento é stato programmato per il 27 Marzo, presso la rappresentanza europea in Italia, a Roma. Chi ben comincia...