Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
20.03.2013 Nuove strade, "mitigazione" impatto infrastrutture

Massimizzare le opportunità in fase di progettazione, di costruzione e gestione di una grande infrastruttura. Venerdì (ore 09.30) in Corte Benedettina (Legnaro, PD) il convegno su mobilità e innovazione, con Chisso, Pizzolato, Fasiol, etc.

Una grande infrastruttura è certamente un’opportunità di sviluppo per i territori e le popolazioni coinvolte. Ma come rendere al minimo il suo impatto sul territorio? Se ne parlerà venerdì prossimo, ore 09.30, in Corte Benedettina a Legnaro (Pd) durante un seminario i cui lavori saranno introdotti da Renato Chisso (Assessore Regionale alla mobilità) e da Paolo Pizzolato, Commissario Straordinario di Veneto Agricoltura.

Molto eloquente il tema dell’incontro:“Mitigazione ed impatti delle infrastrutture portanti della mobilità veneta: bilanci e prospettive di innovazione”. Al centro del dibattito anche le questioni della internazionalizzazione dei costi ambientali, del contributo del verde alla gestione dell’impatto degli assi viari sul territorio, nonché i costi delle esternalità. Ed anche buone pratiche come la concertazione e la compensazione per la creazione del consenso e la valorizzazione delle risorse locali. Temi che si intrecciano, per minimizzare gli impatti, ma soprattutto per massimizzare le opportunità da cogliere in fase di progettazione, di costruzione e di gestione di una grande infrastruttura.

Tra i relatori Tiziano Tempesta dell’Università di Padova, Davide Fiorello di Trasporti e Territorio, Raffaele Gerometta di Veneto Progetti e Giustino Mezzalira di Veneto Agricoltura sul “contributo del verde alla gestione delle problematiche impattanti degli assi viari”. I lavori termineranno con le conclusioni di Giuseppe Fasiol della Direzione Strade ed Autostrade della Regione Veneto sulle prospettive di medio e lungo termine per ricucire il territorio.

L’evento è uno degli appuntamenti della “Settimana dell’Ambiente Veneto”, promosso nell’ambito del progetto europeo “POLY5” che unisce dieci partner internazionali che cooperano per elaborare buone pratiche e soluzioni a supporto delle amministrazioni locali.