Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
11.04.2013 Cansiglio (BL-TV): una firma per il futuro

Stamattina accordo Veneto Agricoltura e "Golf Club Cansiglio". Sul tappeto anche questione cervi e hotel S.Marco. L´opinione dei sindaci.

"Siamo soddisfatti dell´accordo che abbiamo siglato quest´oggi con il Golf Club Cansiglio, che ha durata 24 anni e permetterà loro di perseguire con serenità gli obiettivi e di migliorare le strutture sportive del campo di gara". Così oggi Paolo Pizzolato, Commissario Straordinario di Veneto Agricoltura, durante la conferenza stampa indetta in occasione della firma del nuovo accordo tra l´Azienda regionale che ha in gestione la foresta demaniale del Cansiglio (BL-TV) e l´Associazione Sportiva Dilettantistica. Un accordo, come ha sottolineato Paola Berto, responsabile del Settore Forestale di Veneto Agricoltura, che contempla impegni per la valorizzazione ecologica ed ambientale dell´area, per la difesa del territorio e la salvaguardia della biodiversità.

La Presidente del Golf Club Margherita Camerin, assieme ai V.Press. Carlo Broli e Francesco Palma, ha voluto ricordare che quello del Cansiglio è il secondo più antico green veneto. Cinquantaquattro anni portati bene, ma che ora hanno bisogno di uno svecchiamento: dalla club house agli impianti di gioco, con recinzioni, nuovi sistemi di irrigazione, tutte attività alle quali sarà dato corso rispettando gli accordi con Veneto Agricoltura. Su tutti il rispetto dell´ecosistema Cansiglio, prevedendo ad esempio il non uso di additivi o simili. Infatti l´erba del green è tutta naturale, ne artificiale ne seminata.

"Rimane", hanno continuato i responsabili del Club, "il problema dei cervi che di notte creano danni notevoli ai campi di gioco, con costi significativi per la risistemazione dei green. Su questo tema "caldo" sono intervenuti anche i due sindaci presenti, Floriano De Pra di Farra d´Alpago e Oscar Facchin di Tambre. Entrambi hanno ringraziato il Governatore Zaia e l´Ass. regionale Manzato per la costituzione del tavolo con le Amministrazioni locali attraverso il quale si stanno programmando le linee di sviluppo del Cansiglio.

"Questo del Golf", ha sostenuto Facchin, "è un passaggio importante, che rivitalizza questo territorio pieno di potenzialità sportive, soprattutto se collegato all´area Alpago". De Pra ha voluto precisare che i rapporti con Veneto Agricoltura sono ottimi, però i problemi esistenti devono trovare soluzione. "Riguardo ai cervi", ha detto, "richiediamo che venga attuato il piano di abbattimento previsto dalla Commissione tecnica, ricordando che non verranno tollerate soluzioni inaccettabili come la posa di recinzioni anticervo, che spostano solo il problema fuori dalla foresta, senza risolverlo". Altra questione, segnalata tanto dai sindaci che dal GolfClub, quella dell´Hotel S.Marco, chiuso da oltre un decennio, che potrebbe essere una delle soluzioni alla questione della ricettività nella piana del Cansiglio. Pizzolato, ben conscio del problema, ha segnalato che assieme ai locali si sta cercando una soluzione che contempli l´impiego di adeguate risorse finanziarie e il superamento delle difficoltà burocratiche, essendo un bene demaniale.

Il Golf Club Cansiglio si estende su oltre 60 ettari, 18 buche, quindi regolare per gare anche nazionali e internazionali: se ne disputano 40 all´anno. Conta 260 soci e oltre mille giocatori all´anno. Il Golf, lo ricordiamo, è sport olimpico ed in generale uno dei più praticati al mondo, con appassionati soprattutto nei paesi anglosassoni. Ma gli estimatori si stanno diffondendo anche da noi, come ha sottolineato Pizzolato, in forza di convenzioni con le scuole, che vengono in Cansiglio anche per l´impagabile ambiente forestale e montano.