Lunedì, 29 Maggio 2017 CercaCerca  
29.11.2013 Orizzonte 2020, per dare impulso alla ricerca e agli imprenditori europei

Il Parlamento europeo ha approvato il 22 novembre 2013 il nuovo Programma di ricerca e innovazione dell’UE per il periodo 2014-2020. Il bilancio sarà di 70,2 miliardi di euro e consentirà maggiori stanziamenti per le piccole e medie imprese e per i ricercatori. Orizzonte 2020 è il più grande programma di ricerca dell’Unione europea. L’approvazione da parte del Parlamento europeo ha aperto la strada per il voto finale dell’11 dicembre da parte dei singoli Stati Membri.

Nuovi e più grandi finanziamenti a servizio della ricerca in Europa

Il programma ha visto un aumento dei finanziamenti di quasi il 30% rispetto all’attuale bilancio. Obiettivo del programma è quello di fornire risultati che faranno la differenza nella vita delle persone, semplificando le regole generali, alleggerendo la burocrazia e favorendo la partecipazione. Temi prioritari del programma saranno: eccellenza scientifica, leadership industriale e sfide sociali. Godranno di questo aumento anche le Azioni Marie Skłodowska-Curie (MSCA), dal nome della quattro volte premio Nobel Maria Skłodowska-Curie, un’iniziativa europea che consiste nell’assegnazione di borse di studio a ricercatori europei per favorirne la mobilità e la formazione superiore. Le Azioni MSCA riceveranno uno stanziamento del 30% in più rispetto al periodo 2007-2013. Il nuovo bilancio sosterrà oltre 65000 ricercatori, di cui quasi il 40% dottorandi. L’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT), agenzia europea fondata nel 2008 con l’incarico di individuare e cofinanziare attività di ricerca e innovazione svolte da università, centri di conoscenza e ricerca scientifica ecc., riceverà 2,7 miliardi di euro, pari al 3,5% del bilancio complessivo per la ricerca e l’innovazione nell’UE. Questi fondi rafforzeranno le capacità di ricerca e di innovazione dell’Unione e contribuiranno a creare posti di lavoro e a rilanciare la crescita. Le Azioni MSCA hanno il compito di formare la prossima generazione di ricercatori in Europa e li sosterranno finanziariamente in tutte le fasi della loro carriera, indipendentemente dalla loro nazionalità e dalla disciplina di ricerca. L’EIT avrà un ruolo essenziale nel promuovere una crescita dinamica e innovativa in Europa, sostenendo le imprese in fase di avviamento e i programmi di formazione postuniversitaria.

Programma europeo per la competitività delle imprese (COSME) approvato dal Parlamento europeo: la soddisfazione del Commissario per l’Industria e l’Imprenditoria Antonio Tajani

Per rilanciare la competitività delle imprese, specie quelle piccole e medie, è stato adottato inoltre il Programma per la competitività delle imprese e per le PMI (COSME). La Commissione europea ha espresso soddisfazione per l’adozione del Programma da parte del Parlamento europeo. Il COSME, che dispone di un bilancio di 2,3 miliardi per il periodo 2014-2020, stimolerà l’accesso al credito per le piccole e medie imprese e fornirà uno strumento di garanzia per i prestiti fino a 150 000 euro alle stesse, facilitando l’accesso ai mercati e assistendo i cittadini che vogliono avviare un’attività autonoma. Inoltre, gli Stati Membri saranno supportati nell’elaborazione e attuazione di un’efficiente riforma politica orientata alle PMI. Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, ha commentato: “Apprezzo particolarmente il voto del Parlamento europeo in quanto segna la conclusione di mesi di duro lavoro delle istituzioni dell’UE. Portiamo avanti il nostro impegno a favore delle imprese europee, in particolare quelle di piccole e medie dimensioni che costituiscono l’ossatura dell’economia europea e creano l’85% dei nuovi posti di lavoro. Il COSME semplificherà notevolmente la vita delle PMI assistendole nell’accesso al credito, che costituisce una problematica di cruciale importanza”.

http://ec.europa.eu/research/mariecurieactions