Giovedì, 19 Ottobre 2017 CercaCerca  
22.01.2014 Il leone e il dragone, il vino veneto vola in Cina

Le grandi potenzialità della Cina fanno l’occhiolino al vino veneto. A Lonigo-VI, presso la cantina dei Colli Berici-Gruppo Collis, Veneto Agricoltura, Regione e Avepa hanno fatto il punto sul comparto, produzioni ed export 2013. Presente l’Assessore all’Agricoltura Franco Manzato.

“Il nuovo corso della politica agricola europea e dello sviluppo rurale 2014-2020, in fase di avvio, contribuirà a rafforzare il settore primario veneto, anche se in fase di ripartizione nazionale delle risorse non si è tenuto in debito conto della virtuosità di spesa dimostrata in passato dalla nostra Regione”. Così l’Assessore all’Agricoltura del Veneto, Franco Manzato, ha introdotto i lavori del focus “Il Dragone e il Veneto. Le opportunità per il nostro vino in Cina”, promosso da Veneto Agricoltura, tramite il suo sportello Europe Direct Veneto, d’intesa con Regione e Avepa, svoltosi oggi a Lonigo presso la Cantina dei Colli Berici-Gruppo Collis.

La Cina del vino è un mercato che ci è ancora oscuro. Sembra non esserlo, invece, per la Francia che al momento spadroneggia nella terra del Dragone quasi indisturbata; e non solo come esportatrice, tanto che il 50% del vino importato dal paese asiatico arriva d’Oltralpe, ma anche come vinificatrice. Basti pensare che in molte province della Cina i francesi hanno impiantato una grande quantità di vigneti internazionali, puntando a rendere quelle terre d’oriente uno dei più importanti produttori di vino al mondo: nel 2012 erano già 570mila gli ettari a vigneto (per darne una misura, in Italia sono 770mila, in Francia 800mila ed in Spagna oltre un milione). Quindi la Cina non rappresenta solo un mercato da “aggredire” ma anche un potenziale concorrente da cui guardarsi.

Occhi puntati dunque sul settore vitivinicolo e sul mercato cinese del vino oggi a Lonigo con il duplice obiettivo di mettere in luce le enormi potenzialità che il mercato cinese mostra per questo prodotto e fare quadrato attorno al comparto che da queste opportunità può trarre grandi benefici.

Di fronte a numeri potenziali da capogiro – ricordiamo che la Cina conta oltre 1,35 miliardi di abitanti – il comparto vitivinicolo veneto si sta dunque attrezzando per farsi largo in quello che potrebbe rivelarsi, anche per il “Leone”, una sorta di Eldorado asiatico. “Per ora – ha detto al riguardo Thomas Albert Rosenthal, della Fondazione Italia-Cina - l’export di vino veneto in Cina vale “appena” 11 milioni di euro, ma va pure sottolineato che questo dato risulta quadruplicato negli ultimi cinque anni”.

Rosenthal ha anche “spiegato” ai numerosissimi operatori presenti come funziona il mercato cinese e quanto siano interessanti le opportunità che esso offre.

Il Veneto, prima Regione vitivinicola italiana, intende dunque allargare la via del vino che porta in Cina per consentire ai nostri produttori di sfruttare al meglio le grandi potenzialità offerte da quei mercati.

Il focus di Lonigo è servito anche per fare il punto sulle esportazioni del vino veneto nel 2013 e sui flussi mondiali dell’export. Maria Teresa Coronella (Regione Veneto-Direzione Sistema Statistico), in merito al mercato cinese, ha ricordato che l’Italia arriva appena il 6,1% contro il 49,8% della Francia, il 14,4% dell’Australia, il 9,3% del Cile e il 7,1 della Spagna.

Infine, com’è ormai consuetudine, ogni anno nel mese di gennaio, è stato presentato il consuntivo della vendemmia 2013 nel Veneto. Dati alla mano, Giuseppe Catarin (Regione Veneto-Direzione Competitività Sistemi Agroalimentari) e Luca Furegon (Avepa-Settore Produzioni Zootecniche e Vegetali) hanno ricordato che ancora una volta il Veneto si è confermato prima Regione italiana per produzione di uva con 11.780.836 quintali (+8,29% rispetto al 2012) per una produzione di vino pari a 8,5 milioni di ettolitri.

Facendo riferimento allo schedario viticolo 2013, la superficie vitata veneta si attesta intorno ai 77.481 ettari di cui circa 21.685 ettari a varietà Glera (Prosecco), seguita dalla Garganega (9.836 ettari), Pinot Grigio (8.719 ettari), Merlot (7.004 ettari) e Corvina (6.506 ettari). Il numero di aziende si attesta invece intorno alle 30.500 unità con una media regionale di superficie condotta pari a 2,54 ettari.

Tra le denominazioni principalmente rivendicate troviamo la DOC Prosecco (+14,43% rispetto al 2012), l’IGT VENETO (+9,06% rispetto al 2012, di cui il 27% è costituito da Veneto Pinot Grigio), in diminuzione l’IGT Marca Trevigiana (-3,24%). Da segnalare anche l’IGT delle Venezie (+27,79 rispetto al 2012 e di cui il 59% è costituito da “Delle Venezie Pinot Grigio”). In leggero aumento la DOC Valpolicella (con 842.278 q.li di uva rivendicata) e la DOCG Conegliano Valdobbiadene (con 841.278 q.li).

Classe

Denominazione

Q.tà totale (100 Kg)

Var. % rispetto al 2012

DOC

PROSECCO

2.591.831,68

14,43

IGT

VENETO

2.200.015,49

9,06

IGT

MARCA TREVIGIANA

1.167.372,42

-3,24

VT

VINO

1.077.776,50

67,94

DOC

VALPOLICELLA

842.196,89

2,76

DOCG

CONEGLIANO VALDOBBIADENE - PROSECCO

841.278,91

3,19

DOC

SOAVE

737.227,93

-2,30

IGT

PROVINCIA DI VERONA O VERONESE

730.258,99

2,10

DOC

BARDOLINO

305.053,87

-14,93

IGT

DELLE VENEZIE

186.754,20

27,79

Le slide degli interventi sono disponibili qui sotto:

Intervento Rosenthal

Intervento Coronella

Intervento Catarin

Intervento Furegon