Mercoledì, 13 Dicembre 2017 CercaCerca  
12.03.2014 Pieve di Soligo TV, dalla foresta alla barrique

Valorizzazione del patrimonio boschivo e produzione di botti. Legno e vino uniti in una nuova filiera produttiva, attenta alla sostenibilità ambientale e rilancio dell’economia locale. Il progetto BA.RO.C.CO.

Vino pedemontano in legno pedemontano. Un mantra facilmente applicabile a tutte le aree collocate ai piedi delle catene alpina e appenninica dove si producono vini di qualità e legno autoctono, e principio di ispirazione del progetto BA.RO.C.CO.

Venerdì 14 marzo alle ore 9.00 presso Villa Brandolini di Solighetto di Pieve di Soligo (TV) si terrà un’incontro aperto per presentare questo progetto pilota destinato alla valorizzazione del patrimonio boschivo locale integrata con la produzione viti-vinicola di qualità. BA.RO.C.CO. mira a riqualificare il legno autoctono destinandolo alla produzione di barrique utilizzabili dalle cantine locali per confezionare prodotti vinicoli unici e dall’elevato valore territoriale.

Esperti di settore, imprese della filiera vitivinicola e del legno, tecnici e potenziali investitori si riuniranno per dare avvio ad un tavolo di lavoro e di confronto tecnico per discutere e definire le linee guida del progetto. Presente all’incontro di venerdì anche Giustino Mezzalira, Direttore della Sezione Ricerca e Sperimentazione di Veneto Agricoltura, che parlerà di “Foreste della Serenissima tra passato e futuro”.

BA.RO.C.C.O, nato da T.E.R.R.A. srl, vuole essere insieme un metodo innovativo per valorizzare il patrimonio boschivo e l’occasione per dare avvio ad una nuova filiera produttiva, che creerebbe nuovi posti di lavoro e professionalità con competenze tecniche sulle piante e i legnami utilizzabili per la costruzione di barrique. A beneficiarne infine sarebbero l’ambiente, visto l’impegno ad intrecciare sostenibilità ambientale e filiera produttiva e la creazione di nuovi boschi, e l’economia locale poiché i prodotti vitivinicoli si arricchirebbero di un elevato valore commerciale. Legno e vino uniti, dunque, per far conoscere il carattere profondo di un territorio.

 

Ufficio Stampa