Martedì, 24 Ottobre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n. 201 del 17 marzo 2014

nuovo_bollettino

 

MAIS 2014: IL Fondo mutualistico tutela il reddito più del geodisinfestante

(e fa bene alla salute e all’ambiente!)

Il rischio di danno al mais nelle prime fasi è basso e trova una soluzione più sostenibile e vantaggiosa nella copertura di tipo assicurativo rispetto all’uso dei geosidisinfestanti o del seme conciato con insetticidi – La risposta il Fondo Mutualistico!

IL FONDO MUTUALISTICO PER IL MAIS OFFERTO DAI CONSORZI DI DIFESA DI VENETO E FRIULI VENEZIA GIULIA RIUNITI IN AGRIFONDO MUTUALISTICO

Aderendo al “Fondo Risemina Mais” in caso di mancata o ritardata emergenza riconducibile a condizioni meteo avverse o a cause parassitarie e insufficiente investimento delle piante di mais fino al 30°giorno dalla semina da cause parassitarie, purché queste condizioni non siano riconducibili in nessun caso a negligenze nella conduzione della coltura, il Condifesa rifonderà il mancato reddito per il ridotto investimento fino a 500 euro (20% del valore della PLV stimata). In caso di risemina saranno rimborsati il costo della risemina stessa (200 euro) e l’eventuale riduzione di produzione per la data di semina ritardata (mancato reddito fino a 500 euro). L’adesione al predetto fondo deve essere redatta dai produttori interessati su apposito modulo entro e non oltre la data di semina di ogni anno e avrà un costo per ettaro di 25€ con assicurazione e 30€ senza assicurazione, mediamente meno della metà di ciò che si spende per un intervento geoinsetticida. L’insufficiente investimento potrà essere riconducibile alle condizioni meteo avverse (siccità o eccesso di pioggia, gelate ecc.) oppure alle condizioni pedologiche anomale come suoli grossolani o con formazione di croste, fenomeni in buona parte dovuti a condizioni meteo particolari e, in terzo luogo, a cause parassitarie, tra cui i danni degli insetti del terreno e le muffe sul seme/plantule nelle prime fasi. Viene inoltre riconosciuto che, la risemina può comportare una riduzione della produzione attesa sia che venga riconfermata la coltura del mais, sia nel caso in cui si opti per una coltura diversa (ad es. la soia). Accanto a questo Fondo, il Condifesa continua a proporre altre soluzioni mutualistiche utili nell’ottica della prevenzione, per intervenire in caso di danni attualmente non coperti dalle normali assicurazioni. Nel pacchetto di proposte sono attivi i seguenti fondi: Fondo Risemina Seminativi, Fondo Animali Selvatici, Fondo Gelo su Actinidia.

Per informazioni:

Friuli Venezia Giulia: info@condifesafvg.it

Provincia di Venezia: info@condifesave.it

Provincia di Vicenza: condifesa.vicenza@asnacodi.it

Provincia di Treviso – Belluno: coditv@coditv.it

Provincia di Padova: info@codipd.it

Provincia di Rovigo: condifesa.rovigo@asnacodi.it

Provincia di Verona: consorzio.difesa@codive.it

 

QUANDO SEMINARE? GUARDIAMO LE TEMPERATURE!!!

L’inverno 2013-2014 è stato finora eccezionalmente mite e la temperatura del suolo è già elevata (tra gli 8 e i 10°C).

Si ricorda che per avere informazioni in dettaglio per le scelte agronomiche è possibile collegarsi al sito ARPAV in cui sono presenti i grafici di temperatura del suolo che riportano i valori misurati a diverse profondità: 0cm‚ -10cm‚ -20cm e -30cm di più stazioni rappresentative delle diverse aree agricole del Veneto.

 

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare chiama il numero 0498293847 o scrivi a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org. Ulteriori informazioni sul sito di Veneto Agricoltura alla pagina dedicata al "Bollettino colture erbacee".

111aa