Lunedì, 25 Settembre 2017 CercaCerca  
19.06.2014 vendemmi 2014, anticipata, sana, e in calo

Garganega e Glera produzione simile all’anno scorso. Pinot Grigio e Corvina in significativo calo, ma la riduzione sarà generalizzata. Oggi prima tappa del Trittico Vitivinicolo a Conegliano (TV). Ottima sanità delle uve e stato vegetativo. Alta specializzazione ed eccellenze venete.

La vendemmia 2014 sarà anticipata di almeno una settimana rispetto all’anno scorso. La produzione avrà probabilmente un calo generalizzato mediamente tra il 5% e il 10%, con punte del 20% per la Corvina. Questi dati sono emersi sta mattina a Conegliano-TV, dove il mondo vitivinicolo veneto si è riunito per valutare lo stato fitosanitario del vigneto ad inizio estate. L’appuntamento, ormai tradizionale, a cura di Veneto Agricoltura-Europe Direct Veneto, in collaborazione con Regione e CRA-VIT, ha fatto il punto sull’andamento vegetativo delle piante e ha avanzato previsioni produttive per la prossima vendemmia. All’incontro ha partecipato anche l’Assessore Regionale all’Agricoltura Franco Manzato che ha ricordato l’importanza del settore vitivinicolo e l’imminente avvio del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 che prevede ulteriori importanti finanziamenti per gli operatori del settore.

Il focus ha rilevato come l’andamento meteorologico particolarmente mite dello scorso inverno e inizio primavera (praticamente un lungo autunno), abbia fatto germogliare la vite circa 15-20 giorni prima rispetto alla passata stagione.

Questo anticipo fenologico sta perdurando e le cultivar precoci sono già in fase di chiusura grappolo, il che fa prevedere l’inizio della vendemmia per Pinot Grigio e Chardonnay a ridosso di ferragosto e nella prima decade di settembre per il Merlot. Condizioni simili si sono verificate recentemente solamente nelle annate 2003 e 2007.

Come per le passate stagioni le aree più anticipate sono quelle centro/orientali (Vicenza e Padova in particolare), più in ritardo invece la provincia di Treviso. Lo stato sanitario delle piante è buono con un contenimento delle comuni infezioni fungine. Per quanto riguarda le rese produttive sembra si vada verso un calo generalizzato, variabile dal 5% al 10%, a colpire in particolare il Pinot Grigio e Corvina, meno la Glera e la Garganega.

Nel complesso, sostiene il pool di esperti coordinato da Veneto Agricoltura, si tratta di un ottimo avvio di stagione con queste particolarità:

a) Rese attualmente sotto la media;

b) Stato vegetativo ottimale sia in termini di sanità che di funzionalità foto sintetica;

c) Il clima sta prospettando una annata “di calore e di luce” condizioni per un anticipo di maturazione e per alti livelli qualitativi;

d) Ottima sanità delle uve per una massima salubrità del prodotto.

L’impressione generale è che il vigneto Veneto stia raggiungendo i massimi vertici di specializzazione con eccellenze nelle aree più vocate e forte indirizzo tecnico nelle aree dedicate ai vitigni internazionali.

 

Ufficio Stampa