Venerdì, 15 Dicembre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n. 244 del 13 agosto 2014

nuovo_bollettino

 

PIRALIDE

In linea generale si confermano le previsioni del bollettino del 8 agosto. Nel territorio regionale alla data odierna (13/8) le fasi di sviluppo maggiormente presenti sono crisalidi e adulti di seconda generazione (è iniziata la fase di volo). La comparsa delle prime ovature della terza generazione è prevista tra la fine di questa settimana e l’inizio prossima. Dalla prossima settimana sarà quindi possibile valutare il livello di presenza della piralide sulle colture suscettibili del periodo come il mais in secondo raccolto o comunque in semina ritardata, che presenta rischio serio di danno ove la pressione di piralide è effettivamente elevata. Sarà possibile valutare direttamente nella propria azienda il livello di popolazione, osservando la presenza di ovature, principalmente nella parte inferiore delle foglie o, più facilmente, gli stimmi, tramite osservazioni casuali in campo e verificando la percentuale di spighe con presenza di rosure e/o larve di piralide.

 

I dati, comune per comune, al Link del modello piralide.

 

Risultati delle simulazioni per il 19 agosto.

Piralide 19 ago-14

 

Si ricorda che, in ogni caso, i trattamenti insetticidi non vanno effettuati in periodo di fioritura. Controllare con attenzione i tempi di carenza dei fitofarmaci in funzione dell’epoca di raccolta prevista.

 

HELICOVERPA ARMIGERA

Sta proseguendo il volo degli adulti e pertanto continuerà a crescere progressivamente la presenza di larve con dimensioni tali da causare erosioni apprezzabili (già rilevabili negli ultimi giorni). Si consiglia di cominciare a osservare le colture in piena vegetazione, particolarmente la soia (primo e secondo raccolto) ove una elevata popolazione può causare danni notevoli in pochi giorni. Erosioni diffuse da larve in accrescimento possono determinare la necessità di un intervento insetticida in tempi stretti se la coltura è in fase suscettibile.

 

RAGNETTO ROSSO

Si confermano le indicazioni del bollettino del 25 luglio. Le condizioni meteorologiche della stagione, in particolare le abbondanti precipitazioni mantengono in generale basso il rischio di danno da ragnetto rosso per le colture erbacee di pieno campo (particolarmente soia e mais). Per tenere sotto controllo le popolazioni ed eventualmente intervenire in presenza di pullulazioni si ricorda che nella soia cominciano a essere pericolose popolazioni che superano lei 2 forme mobili per foglia su un campione casuale di almeno 100 foglie/ha in assenza di predatori come antocoridi, Stethorus punctillum, Oligota flavicornis, …. Una elevata presenza di questi ultimi è in grado di bloccare la pullulazione senza che siano da effettuare trattamenti.

 

 

 

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare, chiama il numero 0498293847 o scrivi a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org. Ulteriori informazioni sul sito di Veneto Agricoltura, alla pagina dedicata al Bollettino colture erbacee.

 

111aa