Mercoledì, 18 Ottobre 2017 CercaCerca  
09.09.2014 Mele e pere antiche, tra biodiversità e analisi sensoriale

La pera Nordhauser Winterforelle al primo posto grazie a croccantezza e durezza. Il Progetto europeo “DIVERS” per la salvaguardia della biodiversità.

Ananasrenette, Giallo di Pruiso, Pom dal Ferro Rosso e Per Budel: sono solo alcune delle antiche varietà di mele e pere provenienti dal Bellunese, dal Friuli Venezia Giulia e dalla Carinzia, che sono state sottoposte ad un’attenta analisi sensoriale svolta nell’ambito del Progetto Interegg IV Italia-Austria “DIVERS”- Biodiversità dei sapori di montagna di cui Veneto Agricoltura è partner. A decretare la piacevolezza dei frutti sono state alcune caratteristiche particolari come la presenza di note floreali e fruttate e la particolare durezza e succosità, ma nei test sono stati valutati anche la croccantezza, l’intensità dell’aroma e il dolce.

Con lo scopo di evidenziare le caratteristiche di biodiversità percepite sensorialmente, presso l’Istituto di Veneto Agricoltura per la Qualità e le Tecnologie Agroalimentari di Thiene (VI), il progetto ha riunito i rappresentanti provenienti dalle tre aree interessate dal “DIVERS” per effettuare alcuni test sensoriali; i risultati di questo lavoro sono ora disponibili grazie ad un opuscolo fresco di stampa.

Odore, gusto, aroma e struttura di 15 varietà, 10 mele e 5 pere, sono stati classificati in due sessioni di assaggio con giudici diversi, utilizzando come metro di paragone le note varietà di mela Golden Delicious e di pera Conference.

I quattro frutti più apprezzati, che hanno superato la sufficienza di gradimento, risultano la pera Nordhauser Winterforelle, al primo posto e particolarmente gradita per croccantezza e durezza, seguita dalla mela Kronprinz Rudolf fruttata, floreale e acidula; dalla Pom de la Roseta dura e dall’aroma floreale e dal Giallo di Pruiso; tra queste le prime tre risultano perfino più gradevoli delle note varietà di riferimento, Golden Delicious e Conference.

In coda si sono posizionate la pera Olivier de Serre e la mela Ananasrenette e le qualità sensoriali meno apprezzate si sono rivelate la presenza di aromi negativi, vegetali e di terra/muffa, l’odore speziato e la farinosità.

Gli altri campioni analizzati appartenevano alle varietà di Pom dell’Acqua, Di Corone, Pom Prussian, Per Budel, pera Butira, Pom dal Ruden, Pom dal Ferro Rosso.

Ufficio Stampa