Martedì, 24 Ottobre 2017 CercaCerca  
24.11.2014 Cheesebull, latte per formaggio, giovedì a Thiene (VI) i risultati

Attitudine casearia del latte: il 27 novembre (ore 10.00, Via S.Gaetano 74, Thiene VI) convegno di fine progetto. Sotto analisi la valorizzazione della qualità del latte destinato alla trasformazione, a supporto degli allevatori.

Il miglioramento dell’attitudine casearia del latte, ovvero la capacità del latte a reagire con un coagulante e a formare una cagliata di consistenza idonea e nei tempi ottimali, è il principale obiettivo del Progetto “Cheesebull” condotto dal’Istituto per la Qualità e le Tecnologie Agroalimentari di Veneto Agricoltura, in collaborazione con altri partner veneti, e finanziato dalla misura 124 del Programma di Sviluppo Rurale veneto.

Il progetto, iniziato nel 2012, si avvia al termine e giovedì 27 novembre alle ore 10:00 è in programma il convegno conclusivo presso l’Istituto di Veneto Agricoltura (Via S. Gaetano 74, Thiene VI), dove si sono svolte la maggior parte delle attività progettuali.

Il convegno sarà l’occasione per confrontarsi sugli obiettivi raggiunti e promuovere e diffondere i risultati, il know-how acquisito e le performance del progetto.

Approfondiamo il progetto “Cheesebull”: si tratta di determinare l’attitudine casearia nei controlli delle bovine e del latte veneto utilizzando la tecnologia al medio infrarosso; valutare geneticamente i riproduttori per i caratteri di attitudine casearia; organizzare un sistema di taratura delle strumentazioni di analisi con confronti inter-laboratorio; infine definire nuovi sistemi di pagamento del latte con i nuovi parametri analizzati.

Durante il convegno approfondiranno gli studi svolti: Annalisa Fellin (Veneto Agricoltura) e Lucia Ancilotto (Borsista DAFNAE), che parleranno di risultati e qualità dei dati; Stefano De Paoli (ARA Veneto) di controlli funzionali e Martino Cassandro (DAFNAE - Università Padova) di sistemi di pagamento del latte; infine Denis Pretto e Francesco Cobalchini (Intermizoo) di linee guida per l’attività di selezione. A coordinare gli interventi Luigino Disegna di Veneto Agricoltura.

Le finalità del progetto contano ricadute positive nel settore lattiero caseario, in particolare per le aziende di produzione e di trasformazione. I benefici sono infatti destinati agli allevatori, che avranno uno strumento in più per valorizzare la qualità del latte prodotto per l’industria di trasformazione.

 

Ufficio Stampa