Venerdì, 24 Novembre 2017 CercaCerca  
09.01.2015 Pubblicato il rapporto sulla pesca in Veneto nel 2013

Risultati altalenanti per i principali indicatori economici della pesca regionale, ma i dati più positivi riguardano la tenuta dei mercati ittici e la crescita della produzione di vongole veraci e delle esportazioni. Questo è quanto emerge dal rapporto annuale sulla pesca curato dall’Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell’Acquacoltura di Veneto Agricoltura.

Continua il periodo di crisi per la filiera ittica del Veneto, anche se si evidenziano delle inversioni di tendenza. La crisi ha ormai assunto un carattere strutturale, dovuto in buona parte alla perdurante riduzione della risorsa ittica in conseguenza del sovrasfruttamento degli stock avvenuto negli anni passati. Grazie alle nuove politiche comunitarie sulla pesca, e in particolare al nuovo fondo FEAMP, si punta in futuro a metodiche di pesca più ecosostenibili. In tale senso va rilevato l’ulteriore ridimensionamento nel 2013 della flotta veneta e la conferma dell’allungamento del periodo di fermo biologico introdotto nell’anno precedente, al fine di consentire la rigenerazione delle risorse ittiche.

L’attuazione del Regolamento Mediterraneo, che abolisce la pesca a strascico entro le tre miglia, ha provocato il progressivo abbandono delle imbarcazioni di piccola stazza e lo spostamento della forza lavoro in altri ambiti, in maggioranza nel comparto dell’acquacoltura, il cui il numero di imprese e di addetti è in costante crescita. Prosegue il rialzo dei costi di produzione, in primis del gasolio, che inevitabilmente ha comportato un aumento dei prezzi dei prodotti e conseguentemente una contrazione nei consumi.

Tutte le componenti socio-economiche che caratterizzano il settore ittico veneto sono costantemente monitorate dall’Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell'Acquacoltura di Chioggia e proposte nel report La pesca in Veneto 2013 pubblicato on-line sul sito di Veneto Agricoltura alla pagina "Temi" della sezione "Economia e Mercato". Il rapporto contiene una esaustiva analisi dello stato congiunturale della pesca e dell’acquacoltura regionale e delle sue tendenze in atto.

Appuntamento al prossimo anno per il report relativo al 2014!