Sabato, 21 Ottobre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n. 20/2015 del 10 marzo
nuovo_bollettino

LA DIFESA INTEGRATA A PUNTATE
PRINCIPI E APPLICAZIONI PRATICHE PER LE COLTURE ERBACEE (16)

 FUNGICIDI/MALATTIE FUNGINE/FRUMENTO

Perché la piattaforma grano.net® è conforme ai principi della Difesa integrata (DI) secondo quanto previsto dalla Direttiva 2009/128/CE

A) VALUTAZIONE APPLICABILITÀ DELLA INDIVIDUAZIONE DI APPEZZAMENTI SOTTO E SOPRA LA SOGLIA DI DANNO

Come definito nel bollettino 1/2015 nel processo decisionale la prima fase è la valutazione del livello dei patogeni e parassiti; la piattaforma grano.net® stima il livello dei principali patogeni fungini sia del grano duro che del grano tenero (che causano ruggine gialla, septoriosi, oidio, ruggine bruna e fusariosi della spiga) per mezzo di modelli previsionali validati dal punto di vista scientifico. Viene fornita anche la stima del rischio di presenza di micotossine (DON).

Per la seconda fase i modelli comprendono soglie di danno validate su cui confrontare i valori determinati nella fase 1 in modo che le colture possono essere trattate solo se, dove e quando si è accertato il superamento di “soglie di danno“; ciò può essere fatto con elevato dettaglio, e quindi precisione, inserendo tutti i dati agronomici richiesti nella piattaforma che li considera unitamente ai dati climatici rilevati da una stazione agrometeorologica rappresentativa dell’appezzamento.

La sintesi delle fasi 1 e 2 viene data con contatori “intuitivi” (si veda sotto la situazione del rischio per le principali malattie fungine ad oggi valida per tutte le stazioni del Veneto anche per le varietà sensibili).

  DSS 10 mar

B) VALUTAZIONE DELLA DISPONIBILITÀ DI SOLUZIONI AGRONOMICHE, BIOLOGICHE, FISICHE O COMUNQUE NON CHIMICHE PER SOSTITUIRE IL TRATTAMENTO CHIMICO OVE NECESSARIO INTERVENIRE

La successiva fase del processo decisionale è valutare, per le situazioni in cui vi sia superamento delle soglie di danno, se ci sono soluzioni agronomiche, in sostituzione dei trattamenti chimici; la piattaforma le considera:

  • in fase preventiva dando le informazioni necessarie per “progettare” una corretta “produzione Integrata” e quindi ridurre il rischio che le valutazioni del processo di DI individuino successivamente la necessità del controllo dei parassiti; questo fornendo informazioni sia sulle varietà presentanti tolleranza/resistenza alle malattie sia sugli effetti della rotazione/tecnica colturale sul rischio, consentendo anche simulazioni per diverse soluzioni in grado di ridurre il rischio di danno da malattie (ad es. una varietà suscettibile al Fusarium seminata su sodo dopo mais avrà un rischio di danno e una probabilità di dover ricorrere a trattamenti molto più elevata di altre combinazioni per cui verrà quantificato il probabile rischio); inoltre, fornendo le soluzioni più efficaci relative alle diverse scelte agronomiche, la piattaforma aiuta ad individuare le migliori condizioni per la coltura che determinano anche una maggiore capacità delle piante a resistere agli attacchi dei parassiti; a tal fine importanti sono le indicazioni su concimazioni di azoto fosforo e potassio, la densità di semina, i consigli di diserbo, l’andamento meteo storico e previsionale;
  • in fase decisionale effettiva, in quanto potendo considerare le informazioni per ciascuna varietà, in caso di tolleranza/resistenza, l’indicazione sintetica potrà escludere il trattamento per diverse condizioni ambientali in cui varietà più suscettibili invece lo richiederebbero.

C) SCELTA DEL PIÙ APPROPRIATO TRATTAMENTO CHIMICO QUANDO IL PROCESSO SOPRA DESCRITTO ABBIA EVIDENZIATO LA NECESSITÀ DI INTERVENTO E LA NON PRATICABILITÀ DI SOLUZIONI NON CHIMICHE

La piattaforma per mezzo di un aggiornato database dei prodotti fitosanitari disponibili e il calcolo dell’impatto ambientale permette la più corretta scelta dei prodotti fitosanitari e le modalità d’uso più appropriate in ottemperanza dei principi descritti nel bollettino 4.

 

Per richieste di chiarimento in tempi stretti si può scrivere a (bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org).

 

 
sdfjhsdj