Martedì, 12 Dicembre 2017 CercaCerca  
29.06.205 Pratiche sleali e abusive nella catena alimentare

In occasione di un dibattito tenutosi al Parlamento europeo, il Copa-Cogeca ha chiesto che venga introdotta una legislazione volta ad estirpare il fenomeno

Il panel di esperti, comprendente rappresentanti della Commissione, del Parlamento, dei Governi e del settore della distribuzione, ha discusso la questione e soprattutto le modalità da seguire per garantire una maggiore equità nella catena di approvvigionamento alimentare. Ricordiamo che la Commissione europea aveva pubblicato, lo scorso anno, una Comunicazione sulle pratiche commerciali sleali, senza però riuscire - si legge in una nota dell’Organizzazione agricola - “ad assumersi le proprie responsabilità, proponendo un approccio paneuropeo alla soluzione del problema”. In questo modo, gli Stati Membri vengono incoraggiati a seguire approcci unilaterali, portando ad una frammentazione e a politiche di mercato differenti. “La grande distribuzione - sostiene Copa-Cogeca - ha ammesso di aver violato i codici e che al momento sono in corso delle indagini. Quindi, come può un sistema prettamente volontario essere efficace ad affrontare le pratiche commerciali sleali se non si forniscono agli agricoltori le condizioni di cui hanno urgentemente bisogno per sporgere denuncia in modo anonimo e per ridurre il timore di misure di ritorsione da parte dei loro clienti?”