Lunedì, 18 Dicembre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n. 67/2015 del 14 luglio

nuovo_bollettino

 


LA DIFESA INTEGRATA A PUNTATE
PRINCIPI E APPLICAZIONI PRATICHE PER LE COLTURE ERBACEE (21)
acaricidi/ragnetto rosso/mais-soia

Anche per il ragnetto rosso (Tetranychus urticae) la Difesa integrata, obbligatoria dal 1 gennaio 2014, prevede che eventuali trattamenti chimici possano essere effettuati solo dopo: I) la valutazione della loro necessità per mezzo di monitoraggi, modelli previsionali e osservazioni (scouting) delle colture che consentano di valutare l’eventuale superamento della soglia di danno; II) aver valutato la disponibilità di alternative agronomiche, meccaniche o biologiche al trattamento chimico nel caso questa sia stata effettivamente superata.

A) INDIVIDUAZIONE APPEZZAMENTI CON POPOLAZIONI SOPRA E SOTTO LA SOGLIA DI DANNO: VALUTAZIONE RISCHIO, MONITORAGGIO, CONFRONTO CON LE SOGLIE DI DANNO

Il rischio di danno a soia e mais dipende dalle condizioni meteorologiche (favorevole il clima caldo senza o con poche piogge) e della presenza di predatori nell’area considerata. Le condizioni meteorologiche della stagione in corso potrebbero favorire lo sviluppo delle colonie del ragnetto rosso. Le popolazioni si presentano spesso concentrate a macchie che possono espandersi ad interi appezzamenti. La specie è controllata in natura da vari insetti (Eterotteri Antocoridi e Miridi, Coleotteri Coccinellidi e Stafilinidi, Ditteri Cecidomiidi, Tisanotteri, ecc.) ed acari predatori (soprattutto Fitoseidi). I campionamenti fogliari in campo, con una lente (8-10x), consentono di stimare il rapporto tra le popolazioni di ragnetto rosso e dei suoi predatori che vanno riconosciuti in base al gruppo di riferimento (gli insetti predatori sono molto più voraci degli acari predatori). Poiché la dinamica delle popolazioni in alcuni agroecosistemi (mais, soia particolarmente) suggerisce che le femmine si diffondano dalle scoline alle piante coltivate, si consiglia di cominciare le osservazioni sulla presenza delle colonie iniziando dal bordo degli appezzamenti. Presenze superiori alla soglia indicativa (2 (soia) – 5 (mais) forme mobili per foglia - medie di campioni di 100 foglie almeno per area omogenea) in assenza di predatori (si veda sopra) possono rendere conveniente un intervento per il controllo; nel procedere alle osservazioni in campo è opportuno partire dagli appezzamenti che non sono stati interessati da piogge significative e/o da irrigazioni per aspersione.

B) VALUTAZIONE DELLA DISPONIBILITÀ DI SOLUZIONI AGRONOMICHE, BIOLOGICHE, FISICHE O COMUNQUE NON CHIMICHE PER SOSTITUIRE IL TRATTAMENTO CHIMICO OVE NECESSARIO INTERVENIRE

Tra gli interventi agronomici sostitutivi del trattamento chimico le irrigazioni per aspersione possono mitigare il rischio come del resto le piogge. Pertanto, una volta accertate popolazioni sopra la soglia di danno, va verificato se vi sono probabilità di pioggia e/o si può procedere con irrigazioni per aspersione; una volta asciugate le foglie si potrà controllare il grado di controllo delle popolazioni.

I predatori naturali (si veda sopra) possono colonizzare rapidamente le colture e quindi è opportuno valutare la loro presenza con cadenze regolari per capire se vi è un buon potenziale di controllo.


Per richieste di chiarimento in tempi stretti si può scrivere a  bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org

 
sdfjhsdj