Lunedì, 20 Novembre 2017 CercaCerca  
29.09.2015 Bressanvido (Vi), dalla transumanza al futuro dei prodotti agroalimentari di qualità

Al “Festival dell’Agricoltura”, da domani al 4 Ottobre un susseguirsi di eventi. Venerdì workshop sui prodotti di qualità e sabato l’importanza dell'allevamento avicolo, con gli esperti di Veneto Agricoltura; anteprima del volume sugli animali della cosiddetta "bassa corte”.

Da domani al 4 ottobre 2015, a Bressanvido (Vi) incontri, laboratori, convegni ed eventi: questo è il programma del primo Festival dell'Agricoltura che, anche col patrocinio di Veneto Agricoltura, prende il via da quest'anno all'interno della storica Festa della Transumanza.

Venerdì 2 ottobre in programma il convegno Il futuro dei prodotti agroalimentari di qualità” con Denis Pantini di NOMISMA su “Le prospettive dei prodotti di qualità alla luce dei nuovi scenari evolutivi”; Alberto Menghi di Fondazione CRPA su “Situazione economica delle aziende da latte del territorio e le prospettive future”; e una Tavola rotonda con: Denis Pantini, Alberto Menghi, Franz Mitterrutzner, Direttore Generale di Latterie Vicentine coordinata da Mimmo Vita, Ufficio Stampa Veneto Agricoltura e Pres. UNAGA-FNSI.

Sabato 3 Ottobre invece, alle 15.00 presso la Corte di Casa Carraro, il laboratorio "L' allevamento del pollo domestico", coorganizzatocon VenetoAgricoltura, un appuntamento che si rivolge tanto ai piccoli allevatori che agli amatori, dove i tecnici dell’Azienda regionale forniranno informazioni e curiosità – indicando i vantaggi non solo economici (autoproduzione di carne e uova), ma anche di sicurezza alimentare (si ha la certezza di cosa mangiano gli animali e di come sono tenuti) ed ecologia (per creare un circolo virtuoso nella filiera del recupero) dell’attività -, al fine di promuovere la riscoperta dell'allevamento “casalingo” che un tempo si chiamava di "bassa corte". Nell’occasioneVenetoAgricolturapresenterà e distribuirà in anteprima un volume dedicato proprio all'allevamento delle varie razze utilizzate/utilizzabili, nella “bassa corte”.

Ufficio Stampa