Giovedì, 14 Dicembre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n. 06/2016 del 21 gennaio

nuovo_bollettino

 

LA DIFESA INTEGRATA A PUNTATE
PRINCIPI E APPLICAZIONI PRATICHE PER LE COLTURE ERBACEE

I PRINCIPI DELLA DIFESA INTEGRATA (5)

Una volta descritti e discussi i principi della Difesa Integrata (DI) vanno applicati ai diversi casi pratici. A tal fine si esamineranno le diverse combinazioni avversità/coltura/fitofarmaci per le colture erbacee; le categorie principali di fitofarmaci utilizzati nelle colture erbacee ed assoggettati all’applicazione della DI sono le seguenti:

  • geodisinfestanti (sia come microgranulari sia come concia)
  • erbicidi
  • insetticidi in post-emergenza (per controllare fitofagi come le nottue, la piralide, …)
  • fungicidi contro malattie portate da diversi funghi (Fusarium spp., Pythium spp., …)

Per ciascuna combinazione l’applicazione dei principi della DI passa preliminarmente dalle seguenti valutazioni:

A) VALUTAZIONE APPLICABILITÁ DELL’INDIVIDUAZIONE DI APPEZZAMENTI SOTTO LA SOGLIA DI DANNO E SOPRA LA SOGLIA DI DANNO: qual è il livello di rischio dell’avversità data per la coltura data? Se il rischio è basso e quindi su buona parte della superficie l’avversità non raggiunge livelli tali da ridurre in quantità/qualità i livelli produttivi, la possibilità di contenere i trattamenti attraverso monitoraggi/modelli previsionali che predicano ove le popolazioni superano la soglia di danno è elevata; a questo punto ci si deve chiedere se sono disponibili strumenti efficaci e a basso costo nonché le soglie di danno per operare in tal senso;

B) VALUTAZIONE DELLA DISPONIBILITÁ DI SOLUZIONI AGRONOMICHE, BIOLOGICHE, FISICHE O COMUNQUE NON CHIMICHE PER SOSTITUIRE IL TRATTAMENTO CHIMICO OVE NECESSARIO INTERVENIRE

Per entrambi i casi le soluzioni per essere effettivamente applicate devono:

  • essere realmente efficaci, comprensibili e adottabili praticamente dagli imprenditori agricoli;
  • avere un costo rapportato ai risultati produttivi che consenta di mantenere o migliorare il reddito netto dell’impresa agricola.

Per le colture erbacee infatti l’approccio e le soluzioni devono essere tuttavia significativamente diverse dai fruttiferi e vite, in considerazione:

  • della redditività modesta per cui sono necessari degli strumenti di monitoraggio e lotta a basso costo;
  • della scarsa disponibilità di manodopera e quindi della necessità di metodi semplici e veloci;
  • di un livello tecnico mediamente inferiore;
  • delle ampie estensioni su cui applicare la lotta integrata.

Tenendo conto di quanto descritto, per ciascuna combinazione (ad es. diabrotica/mais/geodisinfestanti) ci potranno essere, considerando le attuali conoscenze, diversi livelli di applicabilità (alta, media, bassa) di A e B e diverse combinazioni dei due. Ci sarà pertanto una diversificazione delle strategie di DI, da ulteriormente specificare a seconda delle eventuali particolari caratteristiche territoriali/aziendali.

 

i dati meteorologici

Logo ARPAV

 

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare scrivi a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org.

Dalla corrente settimana, inoltre, partiranno gli incontri (preferibilmente il venerdì) presso la sede di VA per chiarimenti sul tema e la valutazione di soluzioni pratiche specifiche per problemi specifici con esperti dei diversi settori della Difesa. Si prega di anticipare la richiesta di incontro e i quesiti (o almeno coltura/tipologia dell’avversità) all’indirizzo mail sopra.

Ulteriori informazioni sul sito di Veneto Agricoltura, alla pagina dedicata al Bollettino colture erbacee.


 

 

 

 

111aa