Martedì, 24 Ottobre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n.11/2017 del 7 febbraio
asjt




  

  



LA DIFESA INTEGRATA A PUNTATE
PRINCIPI E APPLICAZIONI PRATICHE PER LE COLTURE ERBACEE (6)
I PRINCIPI DELLA DIFESA INTEGRATA (5-6-7)


Una volta valutato il livello delle popolazioni dei parassiti potenzialmente in grado di provocare danno apprezzabile alle colture ed escluse da trattamenti le aree ove il livello degli organismi nocivi è inferiore alla soglia (bollettino 8/2017), laddove il livello del parassita è risultato superiore alla soglia e non sono disponibili soluzioni non chimiche valide (agronomiche, metodi biologici, mezzi fisici, vedi bollettino 9/17), i fitofarmaci di sintesi da usare saranno (5) “quanto più possibile selettivi rispetto agli organismi da combattere e con minimi effetti sulla salute umana, gli organismi non bersaglio e l’ambiente”.(6) L’utilizzatore professionale dovrebbe mantenere l’utilizzo di pesticidi e di altre forme d’intervento ai livelli necessari, per esempio utilizzando dosi ridotte, riducendo la frequenza dei trattamenti o ricorrendo a trattamenti parziali, avendo cura che il livello di rischio per la vegetazione sia accettabile e che non aumenti il rischio di sviluppo di meccanismi di resistenza in popolazioni di organismi nocivi. (7) Ove il rischio di resistenza a una misura fitosanitaria sia conosciuto e il livello di organismi nocivi richieda trattamenti ripetuti di pesticidi sulla coltura, le strategie antiresistenza disponibili dovrebbero essere messe in atto per mantenere l’efficacia dei prodotti. Ciò può includere l’utilizzo di diversi pesticidi con diversi modi di azione.

Il ricorso a fitofarmaci di sintesi è pertanto l’ultima opzione dopo la valutazione di tutte le opzioni “non” chimiche. Viene evidenziato come la scelta dei fitofarmaci debba considerare le loro caratteristiche per tutti gli aspetti e in particolare per quanto concerne effetti sulla salute umana, sull’ambiente e sugli organismi utili, fondamentali per mantenere adeguati equilibri nelle colture. In ogni caso l’uso deve seguire modalità tali da ridurre il rischio di resistenze basandosi su quanto eventualmente riportato in etichetta (da leggere e seguire sempre con estrema attenzione, anche in quanto documento di riferimento per tutti gli aspetti amministrativi/legali) e sui principi generali e specifici (si veda ad es. il sito GIRE).





_______________________________
fm
 

In ottemperanza a quanto previsto dalla normativa per la Difesa Integrata obbligatoria, ed anche volontaria, il Bollettino Colture Erbacee (BCE) fornisce i seguenti collegamenti a prodotti ARPAV:
•    le previsioni meteorologiche
•    il bollettino Agrometeoinforma
•    i dati meteorologici della rete ARPAV
     in diretta
     di ieri
     degli ultimi 60 giorni
     degli ultimi anni

 

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare, chiama il numero 045 913620 o scrivi a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org. Ulteriori informazioni sul sito di Veneto Agricoltura, alla pagina dedicata al Bollettino colture erbacee.
Se non desideri più ricevere questa mail CLICCA QUI  scrivendo Disiscrivimi o invia una mail a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org    
  


zdgjk