Lunedì, 23 Ottobre 2017 CercaCerca  
Bollettino Colture Erbacee n.17/2017 del 21 febbraio
asjt








  

LA DIFESA INTEGRATA A PUNTATE
PRINCIPI E APPLICAZIONI PRATICHE PER LE COLTURE ERBACEE

NEMATOCIDI-FUNGICIDI/PARASSITI DEL TERRENO/DIVERSE COLTURE

I parassiti legati al suolo come nematodi e funghi possono diventare, in specifiche condizioni, importanti fattori limitanti la produttività e particolarmente difficoltosi da controllare, considerato anche quanto sia limitata la conoscenza concreta sull’utilizzo delle tecniche di difesa.

Come controllare i parassiti legati al suolo (funghi e nematodi) nelle specie orticole e seminativi e come migliorare le sinergie tra diverse combinazioni di piante e sistemi colturali?

Anche per queste malattie la Difesa Integrata prevede due fasi.
 
A) INDIVIDUAZIONE AREE CON POPOLAZIONI SOPRA E SOTTO LA SOGLIA DI DANNO: VALUTAZIONE RISCHIO, MONITORAGGIO, CONFRONTO CON LE SOGLIE DI DANNO

Particolarmente a rischio sono le zone litoranee del Veneto, caratterizzate da terreni generalmente sabbiosi e da “stretti” avvicendamenti, dove l’incidenza dei nematodi del genere Meloidogyne e Heterodera è più elevata. Anche se sono stati registrati casi di danni significativi di nematodi su una coltura molto diffusa come la soia, le colture maggiormente a rischio sono quella della carota (coltivata per oltre 2000 ha nel litorale veneto-emiliano) e quella del radicchio (con oltre 8000 ha solo nel Veneto), in modo particolare nella zona costiera, per le strette rotazioni ed i terreni per lo più sabbiosi.
Nell’entroterra con terreni più a medio impasto e in successione a frumento gli attacchi di nematodi si verificano più raramente.
Per quanto riguarda le orticole in serra, le colture che presentano più frequentemente problemi sono: melone, zucchino, cetriolo, lattuga e solanacee; soprattutto dove si avvicendano in stretta successione due famiglie di ortaggi, entrambe suscettibili, cucurbitacee e solanacee.

Individuati gli appezzamenti con fattori di rischio, è possibile procedere in questi con dei campionamenti (abbastanza onerosi in termini di tempo): si veda per i dettagli il bollettino 12/2016.

B) VALUTAZIONE DELLA DISPONIBILITÁ DI SOLUZIONI AGRONOMICHE, BIOLOGICHE, FISICHE O COMUNQUE NON CHIMICHE PER SOSTITUIRE IL TRATTAMENTO CHIMICO OVE NECESSARIO INTERVENIRE

Le potenziali strategie di difesa “non chimica” si possono raggruppare in diverse categorie:
•    Tecniche agronomiche
- Avvicendamento: con interruzione della specie considerata variabile a seconda della malattia e del livello di infestazione;
- Innesto erbaceo (diffuso soprattutto per Solanacee e Cucurbitacee);
- Sovesci con piante trappola ( Raphanus sativus, Eruca sativa, Sinapis alba) attrattivi verso i nematodi, che non riescono a completare il ciclo; ciclo colturale 40-60 gg;
- Sovesci ad azione biofumigante ( Brassica juncea, Eruca sativa) ad elevato contenuto in glucosinolati, che una volta trinciati producono isotiocianati, sostanze volatili con effetto disinfestante nel suolo;
- Aumento in generale del livello di sostanza del terreno;
- Coltivazioni fuori suolo o idroponiche.
•    Mezzi fisici
- Solarizzazione - surriscaldamento del terreno per un periodo di 30-50 gg, applicabile solo in estate, nei mesi di luglio-agosto con stesura di polietilene in serra, previo inumidimento del terreno (efficace solo nei primi 10-15 cm di terreno);
- Surriscaldamento del terreno - con vapore a 100°C per pochi minuti, costi elevati, giustificabile solo da colture ad alto reddito, IV gamma.
- Allagamento (Flooding) – può provocare l’asfissia e morte dei nematodi liberi nel suolo, il danneggiamento delle uova e la schiusura delle cisti.
•    Trattamenti biologici pre-impianto o con coltura in atto
- Nematocidi biologici/naturali ( estratti di aglio: da incorporare nel suolo alla semina o trapianto; Azadiractina A: non più autorizzata in fertirrigazione ma solo per controllo degli insetti; pellet di farine disoleate di semi di Brassica carinata: liberano isotiocianati);
- Biostimolanti e prodotti a base di miscugli di vari microrganismi.

Per i dettagli si veda bollettino 13/2016.



_______________________________
fm
 

In ottemperanza a quanto previsto dalla normativa per la Difesa Integrata obbligatoria, ed anche volontaria, il Bollettino Colture Erbacee (BCE) fornisce i seguenti collegamenti a prodotti ARPAV:
•    le previsioni meteorologiche
•    il bollettino Agrometeoinforma
•    i dati meteorologici della rete ARPAV
     in diretta
     di ieri
     degli ultimi 60 giorni
     degli ultimi anni

 

Per richieste di chiarimento e ricevere i messaggi di allerta sul cellulare, chiama il numero 045 913620 o scrivi a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org. Ulteriori informazioni sul sito di Veneto Agricoltura, alla pagina dedicata al Bollettino colture erbacee.
Se non desideri più ricevere questa mail CLICCA QUI  scrivendo Disiscrivimi o invia una mail a bollettino.erbacee@venetoagricoltura.org    
  


zdgjk