Lunedì, 29 Maggio 2017 CercaCerca  
14.04.2017 UE-ITALIA: NASCE IL FONDO DI GARANZIA PER GLI INVESTIMENTI AGRICOLI

Sarà più facile per le imprese agricole italiane ottenere prestiti bancari, grazie alla creazione di un fondo di garanzia per gli investimenti agricoli ideato dalla Commissione europea.

L'accordo, siglato alla presenza del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, e del Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, Phil Hogan, prevede la costruzione di un portafoglio multiregionale di garanzie per proteggere prestiti destinati a finanziare gli investimenti connessi ai Programmi regionali di Sviluppo Rurale.

 Alla cerimonia di firma hanno partecipato anche Pier Luigi Gilibert (Fondo europeo per gli investimenti), Fabio Gallia (Cassa Depositi e Presiti), Dario Scannapieco (Banca Europea per gli Investimenti), Enrico Corali (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare). Presenti anche i rappresentanti delle otto Regioni interessate: Veneto, Toscana, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Campania, Puglia, Calabria e Piemonte.

L'impegno finanziario previsto dal portafoglio multiregionale di garanzie è di 165 milioni di euro da parte del Fondo Europeo per gli Investimenti, 150 milioni di euro da Cassa Depositi e Prestiti e 150 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti. 465 milioni complessivi, ai quali si aggiungono 20 milioni di Ismea, che in base alle stime, potranno mobilitare circa un miliardo di euro di investimenti in agricoltura e agroindustria nei prossimi anni.

In caso di inadempimenti le prime perdite saranno assorbite dalla Commissione europea, tramite le risorse agricole del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR). Qualora fosse necessario, scatterà in seconda battuta la quota garantita dal bilancio dell'ISMEA e infine sarà la volta del FEI, della BEI e della Cassa Depositi e Prestiti. Questa gestione del rischio permetterà al portafoglio multiregionale di coprire tutti i finanziamenti agli imprenditori agricoli fino al 50% della perdita.