Venerdì, 20 Ottobre 2017 CercaCerca  
IMWPRAISE project

Veneto Agricoltura in the European Partnership for Integrated Weed Management.

In June 2017 a new European project joint by Veneto Agricoltura has started.
This is the project "IWMPRAISE - Integrated Weed Management: PRActical Implementation and Solutions for Europe", funded by the EU Framework Programme for Research and Innovation (Horizon 2020) and led by the Danish University of Aarhus.

The project has a total budget of approximately 7 million euro and it will be developed in 5 years by 41 partners from 8 European Countries (Denmark, Netherlands, United Kingdom, Italy, France, Spain, Slovenia and Switzerland) including University and Research organizations, SME’s and industries, consulting services and end-users.
Several initiatives have been done during recent years to develop and adopt integrated management techniques to protect crops from various pests (fungal diseases, insects, etc.), minimizing the use of chemicals and prioritizing prevention and biological techniques. An "IPM - Integrated Pest Management" methodology was therefore defined. Now, with the IWMPRAISE Project we aim to adopt the same approach for weeds control: to minimize the use of chemicals and increase sustainability of crop systems, making them more resilient to climate change and weather conditions with little or no affect on production and business profitability.

In particular, the project aims at the following objectives:

• to define a package of alternative and integrated measures for weeds control and optimize their effectiveness and applicability on 4 crop systems: annual narrow-row crops (e.g. wheat), annual row crops (e.g. maize), perennial herbaceous crops (grasslands) and perennial woody crops (orchards and vineyards);
• to assess the economic and environmental impacts of the adopted integrated weed managements;
• to encourage their adoption in all EU Countries by means of dissemination and communication activities.

Veneto Agricoltura is part of the Italian cluster with 7 other Italian partners (including CNR, University of Pisa and machinery firms) that will carry on the project at national level. Due to the experience earned on experimental activities conducted at Vallevecchia farm in Caorle (Province of Venice) and more generally on the dissemination of information, Veneto Agricoltura has been assigned with the task of testing the weed control techniques for maize and organizing demonstration activities such as participatory field days and open farm events.

 

IWMPRAISE

Veneto Agricoltura nella partnership europea per le strategie di diserbo integrato.


Con il mese di giugno 2017 è iniziato un nuovo importante progetto europeo che vede Veneto Agricoltura partner.
Si tratta del Progetto “IWMPRAISE – Integrated  Weed Management: PRActical Implementation and Solutions for Europe” (in italiano “Gestione integrata del diserbo: implementazione pratica e soluzioni per l’Europa”). E’ un progetto finanziato dal Programma Quadro dell’Unione Europea per la Ricerca e l’Innovazione ( Horizon 2020) che vede come capofila l’Università danese di Aarhus.


Il progetto ha a disposizione complessivamente un budget di quasi 7 milioni di euro, 5 anni di sviluppo, 41 partner provenienti da 8 paesi europei (Danimarca, Paesi Bassi, Regno Unito, Italia, Francia, Spagna, Slovenia e Svizzera), comprendendo Università/Enti di ricerca, PMI e industrie, servizi di consulenza, enti e utilizzatori finali.
Molto è stato fatto in questi anni per sviluppare e adottare tecniche di difesa integrata, cioè di difesa delle colture dalle diverse avversità (malattie fungine, insetti ed altro) utilizzando al minimo i prodotti chimici, privilegiando gli interventi preventivi e le tecniche biologiche. Si sono così definiti le metodologie di “IPM – Integrated Pest Management”. Ora, con il Progetto IWMPRAISE si vuole adottare lo stesso approccio per il diserbo e il controllo delle malerbe: ridurre al minimo l’utilizzo di mezzi chimici per aumentare la sostenibilità dei sistemi colturali rendendoli più resilienti al cambiamento climatico e alle condizioni meteorologiche senza compromettere la redditività delle imprese e la produzione di derrate alimentari.
In particolare il progetto persegue i seguenti obiettivi:


• definire un pacchetto di misure alternative e integrate di controllo delle malerbe e ottimizzarne l’efficacia e l’applicabilità rispetto a quattro tipologie colturali: colture annuali seminate a righe strette (come il frumento), colture erbacee seminate a righe larghe (come il mais), colture erbacee perenni (come prati e pascoli), colture arboree perenni (come frutteti e vigneti);
• valutare gli impatti economici e ambientali delle strategie di diserbo individuate;
• favorire la loro adozione in tutti i Paesi dell’Unione, attraverso una articolata azione divulgativa.


Veneto Agricoltura è parte del cluster italiano (insieme a altri 7 partner italiani tra cui CNR, Università di Pisa e industrie agromeccaniche) che seguirà il progetto a livello nazionale. A Veneto Agricoltura, in ragione  dell’esperienza maturata con le attività sperimentali sviluppate presso l’Azienda dimostrativa a Vallevecchia di Caorle (Ve) e più in generale nelle metodologie divulgative, è stato assegnato il compito di seguire le tecniche di diserbo in maiscoltura e più in generale le diverse attività dimostrative del progetto.