Domenica, 22 Ottobre 2017 CercaCerca  
Home page > Elenco siti tematici > Legge Boschi
Legge 2 Maggio 2003 - n.13

"Norme per la Realizzazione di Boschi nella Pianura Veneta"
Legge Regionale 2 Maggio 2003 - n.13

legge boschi

La legge 13 del 2003 della Regione Veneto si prefigge di incrementare la qualità ambientale e territoriale della Pianura Veneta promuovendo l’impianto di boschi di pianura e periurbani e la realizzazione di parchi urbani ed aree verde attrezzate, composti di sole specie autoctone.

L’intervento regionale è finalizzato a restituire all’ambiente di pianura i lembi di bosco che per secoli l’avevano caratterizzato, prima della completa eliminazione seguita alla destinazione produttiva ed insediativa della maggior parte del nostro territorio, contribuendo alla diffusione delle specie arboree ed arbustive autoctone.

Perché piantare un bosco nella nostra pianura?
Perché un tempo i boschi in pianura c’erano. Gli storici latini riportano un Veneto coperto da annose foreste di querce, frassini, tigli e molte altre specie. L’erosione del manto forestale originario, iniziata all’epoca della colonizzazione romana e proseguita con fasi alterne fino ad oggi, ha condotto all’eliminazione della foresta, che è sopravissuta in piccoli lembi spesso fortemente compromessi ed isolati in un territorio ormai capillarmente antropizzato. L’intensificazione delle pratiche agricole, nella seconda metà del ‘900, ha privato vaste aree della pianura di elementi caratterizzanti il paesaggio rurale tradizionale, come siepi e boschetti residui; inoltre, lo sviluppo delle attività produttive degli ultimi decenni ha introdotto forti elementi di frammentazione del territorio riducendo e compromettendo ogni residuo spazio di naturalità nella nostra pianura. Oggi la pianura veneta è una delle più vaste aree europee dove il bosco è stato completamente distrutto.

Perché di boschi il cittadino veneto ha forte bisogno. Diversamente da quanto avvenuto negli ultimi decenni, è oggi necessario che, oltre allo sviluppo economico ed infrastrutturale, si tengano nella dovuta considerazione esigenze fondamentali della collettività quali la salute, la possibilità di fruire di spazi naturali, di un ambiente più sano e di un paesaggio di pianura che caratterizzi positivamente l’immagine della nostra regione. Il cittadino veneto di oggi avverte sempre più forte la necessità di riconciliarsi con il proprio territorio, con i suoi valori naturali, storici e culturali. L’impianto di nuovi boschi nel nostro territorio di pianura ottempera a queste rinnovate esigenze: riportare la foresta planiziale alle porte delle nostre città e nel cuore delle nostre campagne rappresenta l’occasione per ritrovare una parte della nostre origini.

Perché i boschi svolgono, in modo impareggiabile, una serie di importanti funzioni ambientali. Consolidate conoscenze scientifiche ci permettono di affermare che i boschi, la cui crescita nei nostri fertili suoli è particolarmente rapida e produttiva, sono in grado di assolvere ad una serie di funzioni di primaria importanza ambientale: grazie al complesso di meccanismi legati alla fitobiodepurazione, possono, in modo del tutto naturale, contribuire a migliorare la qualità dell’acqua abbattendo i carichi inquinanti, contengono polveri e rumori, con l’assorbimento e l’accumulo dell’anidride carbonica contribuiscono a contenere l’effetto serra come previsto dagli impegni di Kyoto. I boschi sono inoltre in prima linea nel riequilibrio idrogeologico del territorio, prestandosi ad essere inseriti all’interno di casse di espansione, e nell’incremento della fauna selvatica. Infine, nuovi lembi di foresta in pianura potranno costituire per il cittadino un luogo ineguagliabile dove svolgere attività di rilassamento e ricreazione mentre per le giovani generazioni rappresenteranno un’occasione straordinaria di didattica ambientale.

Le pubbliche amministrazioni sono chiamate a divenire protagoniste di una fase di cambiamento epocale del nostro paesaggio: con la collaborazione degli amministratori locali, le opportunità offerte dalla legge 13 del 2003 della Regione Veneto potranno trasformare il volto della nostra regione per i prossimi decenni. Non lasciamoci sfuggire questa occasione.

Info e contatti:
Centro Biodiversità Vegetale e Fuori Foresta
Via Bonin-Longare - 36030 Montecchio Precalcino (VI)
tel. 0445/864445 fax 0445/334420  E-mail: vivaio@venetoagricoltura.org  
 

DOCUMENTI E MODULI

Documenti necessari alla presentazione della domanda di contributo ai sensi della Legge 13/2003:
E' possibile scaricare il VI bando e tutta la modulistica accedendo al sito della Regione Veneto:
http://www.regione.veneto.it/Bandi+Avvisi+Concorsi/Bandi/Realizzazione+boschi+pianura+2008.htm

Testo delle Nuove Linee Guida (scarica pdf)

Domande frequenti (scarica word)

Allegato n. 1 a DGR 4380/03 – Elenco comuni di pianura (scarica pdf)