Piano di Comunicazione


Al fine di trasferire l’innovazione e condividere con gli operatori del territorio gli obiettivi del progetto, l’attività tecnico-scientifica deve essere accompagnata da un efficace piano di comunicazione, che si rivolge a:

– target primario: Consorzi di tutela, Cantine sociali, Aziende vitivinicole, Tecnici ad esse collegati
– target secondario: gli operatori a valle della filiera (distributori intermedi e finali, enoteche, ristorazione), operatori territoriali (accoglienza, turismo del vino) e Amministrazioni locali.

Vengono quindi usati diversi strumenti di comunicazione interna ed esterna:

– riunioni, convegni e conferenze stampa
– seminari e visite guidate
– comunicati stampa e redazionali
– sito internet

pubblicazione periodica opuscoli e di una Newsletter.

Articoli simili

Normativa

09/08/2006

Biodiversità

14/08/2006