Indicatore di tempestività dei pagamenti

In attuazione dell’art. 33 del D.Lgs n. 33/2013, è disponibile l’indicatore di tempestività dei pagamenti relativo agli acquisti di beni, servizi e forniture elaborato secondo le modalità definite con D.P.C.M. 22 settembre 2014 avente ad oggetto “Definizione degli schemi e delle modalità per la pubblicazione su internet dei dati relativi alle entrate e alla spesa dei bilanci preventivi e consuntivi e dell’indicatore annuale di tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni”.
L’indicatore annuale di tempestività dei pagamenti è stato calcolato, come indicato dal comma 3 dell’art. 9 del citato D.P.C.M., e con gli adeguamenti previsti dalla Circolare MEF nr. 22 del 22/07/2015:
come la somma, per ciascuna fattura emessa a titolo di corrispettivo di una transazione commerciale, dei giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura o richiesta equivalente di pagamento e la data di pagamento ai fornitori moltiplicata per l’importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento.

Riferimenti normativi
Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013: articolo 33
Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri 22 settembre 2014: articoli 9 e 10
Circolare Ministero Economia e Finanze nr. 22 del 22/07/2015

NOTA INTERPRETATIVA
Nel caso in cui l’indicatore risulti positivo significa che le fatture sono state pagate in media dopo la scadenza delle stesse mentre, nel caso in cui l’indicatore risulti negativo, significa che le fatture sono state pagate in media prima della scadenza delle stesse.

2019

Indicatore tempi medi
I trimestre 13,22